Il diritto alla ricostruzione di carriera decorre dal primo giorno successivo al superamento del periodo di prova

Alessandra .- Buonasera, sono un’insegnante di sostegno nella scuola secondaria di secondo grado entrata di ruolo l’1/09/2011. Alla fine di agosto del 2015 ho presentato la domanda di ricostruzione di carriera alla segreteria della scuola dove sono stata utilizzata nell’anno scolastico 2014/2015. La segreteria nel marzo di quest’anno mi comunica, per conoscenza, che la domanda di ricostruzione di carriera e i relativi allegati sono stati inviati all’Ambito Territoriale provinciale competente, in quanto l’amministrazione scolastica si è trovata nell’impossibilità di operare al SIDI. Già da tempo il DSGA dell’istituto insisteva, secondo me erroneamente, sul fatto che come docente in DOS, la domanda di ricostruzione di carriera l’avrei dovuta presentare all’Ambito Territoriale competente. Mi metto in contatto con il funzionario dell’Ufficio ricostruzioni di carriera dell’AT il quale, in prima battuta, mi dice che in considerazione dell’anno scolastico in cui sono entrata di ruolo, è di competenza della scuola e poi che lui se ne sarebbe potuto occupare dopo aver espletato le altre pratiche seguendo l’ordine cronologico di nascita dei docenti che hanno presentato domanda di ricostruzione di carriera e mi comunica che era arrivato all’anno 1954. Io sono nata nel 1971, quanto tempo dovrò aspettare prima che la mia domanda venga presa in considerazione? E se passano cinque anni non perderò così il diritto a percepire gli arretrati che mi spettano? Volendo inviare un sollecito a chi devo indirizzarlo all’istituto scolastico o all’Ufficio dell’A.T. competente? Grazie

FP – Gentile Docente,

in merito alla sua richiesta, mi permetto, in premessa, di segnalarle brevemente la normativa di riferimento in materia di presentazione della richiesta di ricostruzione di carriera.

Riprendendo quanto indicato in alcuni post precedenti, si chiarisce che il diritto alla ricostruzione di carriera decorre dal primo giorno successivo al superamento del periodo di prova.

Pertanto l’elemento che da diritto alla presentazione della domanda di riconoscimento dei servizi pre-ruolo – al di là delle indicazioni che fornisce l’Amministrazione –  è il superamento del periodo di prova.

Per quanto concerne la presentazione o meno dell’istanza –  è opportuno non trascurare i termini di prescrizione previsti dall’attuale normativa.

Infatti, il diritto alla ricostruzione di carriera è un diritto prescrivibile ovvero dalla conferma in ruolo decorrono i termini di prescrizione.

La prescrizione del diritto alla ricostruzione di carriera è di 10 anni (dalla conferma in ruolo), mentre il diritto a percepire gli arretrati si prescrive dopo 5 anni.

Preciso che i termini di prescrizione – di cui sopra – sono riferiti alla presentazione della domanda da parte dell’interessato.

Detto questo, se lei ha regolarmente presentato – alla sua scuola di titolarità –  regolare domanda di ricostruzione di carriera, subito dopo la conferma in ruolo, ha fatto quanto previsto dalla normativa e i termini di prescrizione di cui sopra, si sono fermati.

In merito all’adempimento della ricostruzione di carriera,  ai sensi  del DPR 275/1999, dal 1/9/2000 è di competenza delle istituzioni scolastiche di titolarità e viene attuato mediante regolare decreto del Dirigente Scolastico.

Pertanto, il personale è tenuto a presentare la domanda alla scuola di titolarità, e ad avviso dello scrivente per i docenti “in DOS” alla scuola di servizio.

Posted on by nella categoria Ricostruzione di carriera
Versione stampabile
ads ads