Punteggio di continuità: è valutabile se la titolarità è invariata come scuola, come tipologia di posto e come classe di concorso

Daniele – Dall’a.s. 2006/07 sono titolare nella scuola secondaria di I grado e ho effettivamente prestato servizio senza soluzione di continuità nello stesso comune, nella stessa sede, e nella stessa classe di concorso (A043). L’unica variazione è limitata al tipo di posto, che, in seguito a domanda di trasferimento, dall’a.s. 2010/11 è passato da “A043 – sostegno minorati psicofisici” a “A043 – normale”

Il CCNI dell’8 aprile 2016 nella tabella B (p. 68) “Tabella di valutazione dei titoli ai fini della mobilità del personale docente ed educativo, sezione I – Anzianità di servizio -lettera C” indica come requisito il ”servizio di ruolo prestato senza soluzione di continuità negli ultimi tre anni scolastici nella scuola di attuale titolarità”, nella nota 5) si precisa che “per l’attribuzione del punteggio previsto dal presente comma, devono concorrere, per gli anni considerati, la titolarità nel tipo di posto (comune ovvero sostegno a prescindere dalla tipologia di disabilità) o – per le scuole ed istituti di istruzione secondaria di I e Il grado ed artistica – nella classe di concorso di attuale appartenenza (con esclusione sia del periodo di servizio pre-ruolo sia del periodo coperto da decorrenza giuridica retroattiva della nomina) e la prestazione del servizio presso la scuola o plesso di titolarità.”

Non capisco perché nella domanda di passaggio di ruolo non mi venga riconosciuta la continuità dal 2006/07, dato che nella sopraccitata nota 5 è scritto che per le scuole secondarie di primo grado la continuità è necessaria nella classe di concorso, infatti la congiunzione disgiuntiva O indica chiaramente che va considerata la titolarità nel tipo di posto O (con evidente valore di alternativa), per la sec. di I e II grado, nella classe di concorso, che per me è sempre stata la medesima.

Giovanna Onnis – Gentilissimo Daniele,

per valutare il punteggio di continuità è necessario considerare il servizio prestato senza interruzione nella scuola di attuale titolarità, per la stessa tipologia di posto (sostegno o posto comune) e per la stessa classe di concorso.

Quindi, il trasferimento da sostegno a posto comune o il passaggio di cattedra nella stessa scuola di titolarità determina l’interruzione della continuità con conseguente perdita del punteggio maturato.

Nella nota da te citata viene fatto esplicito riferimento alle classe di concorso per la secondaria di I e II grado perché per la scuola dell’infanzia e scuola primaria non si parla di classi di concorso, ma solo di tipologia di posto. In ogni caso nella secondaria le due condizioni devono coesistere.

Nella domanda di passaggio, quindi, non è possibile valutare la continuità a decorrere dall’a.s.2006/07, in quanto hai ottenuto trasferimento da sostegno a posto comune nell’a.s. 2010/11 ed è da quest’anno scolastico che puoi valutare il punteggio di continuità  se la tua titolarità come scuola , come tipologia di posto e come classe di concorso è rimasta invariata

Ti invito a leggere sull’argomento le FAQ pubblicate da OrizzonteScuola http://www.orizzontescuola.it/news/mobilit-scuola-docenti-e-punteggio-continuit-nostre-faq

Posted on by nella categoria Mobilità, Varie
Versione stampabile
ads ads