Docente neo-immesso che non ottiene sede definitiva: risulta soprannumerario e dovrà chiedere utilizzazione

Corrado – Sono un docente neoassunto  in fase Zero il 01/09/2015 e quindi nella mobilità dovrei muovermi su sede scolastica. In data odierna sono stati pubblicati i movimenti della prima fase (che in pratica mi dovrebbero riguardare), a sorpresa il mio nome non compare e vedo che una cattedra che avevo individuato come probabile mia destinazione viene assegnata ad un docente soprannumerario di un’altra sede scolastica con la dicitura “docente soprannumerario con domanda condizionata”. Ed in tutto questo il mio nominativo ai fini dell’ottenimento della sede definitiva non compare. Contattando l’ufficio scolastico  provinciale mi viene detto che sono soprannumerario. Ma è possibile essere soprannumerario senza avere avuto mai la sede definitiva? Un docente soprannumerario ha precedenza, rispetto a me che non ho ancora una sede di servizio, anche se non rientra in sede di precedente titolarità? Grazie.

Giovanna Onnis – Gentilissimo Corrado,

l’ordine delle operazioni nei trasferimenti è stabilito nell’allegato 1 del CCNI 2016/17 dove viene indicata la sequenza operativa per le diverse fasi.

Non chiarisci bene la situazione del docente soprannumerario che, a seconda dei casi, può essere collocato in posizione diversa all’interno della sequenza operativa dei movimenti. Analizziamoli insieme.

Il docente soprannumerario che usufruisce della precedenza per il rientro con  domanda condizionata nella scuola di ex-titolarità (precedenza prevista nell’art.13 comma 1 parte II), è inserito nella lettera B della fase A1 comunale:

B) trasferimenti a domanda nel plesso, circolo, scuola o istituto di precedente titolarità dei docenti trasferiti nell’ultimo ottennio in quanto soprannumerari, beneficiari della precedenza di cui al punto II) dell’art 13 del presente contratto; nonché, limitatamente alla scuola secondaria di secondo grado, trasferimenti a domanda dei docenti soprannumerari titolari di istituti oggetto di unificazione , nonché, limitatamente alla scuola secondaria, trasferimenti a domanda dei docenti individuati come soprannumerari titolari negli istituti dimensionati;

Il docente soprannumerario trasferito d’ufficio nel comune di precedente titolarità rientra, invece,  nella lettera F della fase A1 comunale:

F) trasferimenti d’ufficio, nell’ambito del comune di titolarità e per la medesima tipologia di posto, dei docenti soprannumerari che non hanno prodotto domanda o che, pur avendola prodotta, non sono stati soddisfatti per le preferenze espresse nel modulo-domanda;

Il docente beneficiario della precedenza per il rientro con precedenza nel comune di ex-titolarità (precedenza prevista nell’art.13 comma 1 parte IV), è inserito nella lettera G della fase A1 comunale:

G) trasferimenti, a domanda, dei docenti trasferiti nell’ultimo ottennio in quanto soprannumerari, nel comune di precedente titolarità, beneficiari della precedenza di cui al punto IV) dell’art. 13 – del presente contratto.

Il docente soprannumerario trasferito d’ufficio in comune diverso da quello di precedente titolarità, rientra nella lettera A della fase A2 provinciale:

A) trasferimenti d’ufficio, secondo l’ordine di vicinanza rispetto al proprio comune di titolarità stabilito dalle apposite tabelle, dei docenti titolari di posti e cattedre dell’organico sede che non abbiano prodotto domanda o che, pur avendola prodotta, non abbiano ottenuto il movimento (trasferimento o passaggio di cattedra) a domanda;

Tu, invece, come docente neo-immesso in ruolo nella fase 0 e, quindi, privo di sede di titolarità, rientri  nella lettera F della fase A2 provinciale:

F) trasferimenti, a domanda, dei docenti titolari in provincia, compresi i titolari in esubero sulla provincia, i docenti della dotazione organica di sostegno ed i docenti privi della sede

Quindi in ogni caso il tuo movimento  risulta inserito, nella sequenza operativa, in una posizione successiva a quella che potrebbe riguardare il docente soprannumerario.

Il trasferimento disposto è, quindi, corretto e, per quanto ti riguarda, non avendo avuto l’assegnazione della sede definitiva, risulti titolare in provincia senza sede e, conseguentemente, come ti ha comunicato l’USP, risulti soprannumerario e come tale dovrai chiedere utilizzazione

 

Posted on by nella categoria Mobilità
Versione stampabile
ads ads