Mobilità, la prova della pazzia del sistema informatico

Carmela – Sono una docente di ruolo dal 1° settembre 2009 nella scuola dell’infanzia di Napoli.

Ho prodotto domanda di mobilità professionale, così come previsto dal CCNI dell’8 aprile 2016 per le classi di concorso A050 e A051, (materie letterarie e latino nei licei ed istituti magistrali) Fase B.

Il 4 luglio 2016 sono stati pubblicati i risultati di tali movimenti, dopo una serie di rimandi.

Dalla piattaforma telematica del M.I.U.R., Istanze on line, visualizzo con profondo rammarico, di non aver ottenuto tale passaggio né per la classe di concorso A050, né per la A051 per l’anno scolastico 2016/17, come riconfermato dalla e-mail ricevuta in data 05/07/2016 dallo stesso Ministero.

Il giorno 9 agosto 2016, la segreteria della mia scuola di titolarità, in contrasto con le precedenti comunicazioni, mi informa che non sono presente negli elenchi dei titolari di cattedra di quella istituzione, dicendomi he a quanto risulterebbe dal sistema informatico, sarei stata assegnata ad una nuova sede, Liceo Scientifico, scuola presente nell’ elenco di quelle da me scelte per il passaggio alla classe di concorso A051. Accedo per verificare alla pagina di Istanze on line, e nella
dicitura �Visualizza il risultato� effettivamente leggo di aver ottenuto il passaggio di ruolo nella classe di concorso A051, presso l’istituzione scolastica di cui sopra.

Tengo a precisare che il nominativo della sottoscritta non è presente nei bollettini dei movimenti pubblicati dall’U.S.P. per la provincia di Napoli e che l’ istituzione scolastica a cui sarei stata destinata, afferma di non avere in elenco nessun docente che corrisponde al mio nominativo. Intanto, tramite sindacato, ho prodotto domanda all’U.S.P. di Napoli di reclamo/ richiesta informazioni in merito all’esito della procedura mobilità professionale a.s. 2016/17 e contestualmente richiesta di accesso agli
atti amministrativi e diffida ad adempiere.

E’ chiaro che giuridicamente ora non sono collocata in nessuna istituzione scolastica. Mi chiedo cosa devo aspettarmi ? Quali saranno i passi successivi da compiere in questa situazione paradossale? E’ vero che potrei essere destinata d’ufficio ad una qualunque istituzione scolastica come mi è stato detto, perdendo di fatto anche la titolarità sulla scuola su cui sono dal 2008?

risposta – gent.ma Carmela, le soluzioni non possono che essere due, non crediamo possano essercene di fantasiose. O rimani nella scuola di titolarità nel ruolo dell’infanzia, o hai ottenuto il passaggio di ruolo e quindi sarai assegnata ad una nuova scuola. Al limite potresti essere assegnata ad una scuola diversa del nuovo ordine di scuola rispetto a quelle indicate nella domanda se in esse non ci saranno più posti, ma la titolarità nella scuola non si può certo perdere per una bizza del sistema informatico.

Abbiamo però voluto pubblicare la tua e mail per dimostrare come effettivamente delle "anomalie" nei movimenti dei docenti per l’a.s. 2016/17 ci sono stati.

ads