Assegnazioni provvisorie e utilizzazioni: chiarimenti sulla sequenza operativa dei movimenti

Massimo – Vorrei sapere se verranno sistemati con priorità i richiedenti AP interprovinciale oppure le utilizzazioni del personale senza sede Art. 2 comma 4. Grazie

Giovanna Onnis – Gentilissimo Massimo,

nell’Allegato 3 del CCNI viene stabilita  la sequenza operativa nella  quale viene indicato l’ordine delle operazioni relative alle utilizzazioni e assegnazioni provvisorie .

Nella  sequenza operativa, come chiarisce l’articolo di OrizzonteScuola, vengono individuate 44 fasi raggruppate in 6 tipologie differenti di operazioni.

Le assegnazioni provvisorie interprovinciali rientrano nella fase 40 per il sostegno e nella fase 43 per posto comune, come indicato nel dettaglio nell’Allegato 3:

40  Assegnazione provvisoria su sostegno da altra provincia del docente in possesso del prescritto titolo di specializzazione.

43  Assegnazione provvisoria su tipo posto comune dei docenti provenienti da altra provincia

 L’utilizzazione dei docenti  senza sede come indicato nell’art.2 comma 4, rientrano nella fase 44 che è l’ultima fase dei movimenti:

 44  Utilizzazione d’ufficio dei docenti di cui all’art. 2 comma 4

Quindi le assegnazioni provvisorie interprovinciali vengono  disposte prima rispetto alle utilizzazioni del personale docente indicato nel succitato comma 4 dell’art.2 che si trova nelle seguenti condizioni:

Il personale docente immesso in ruolo ai sensi del comma 96 lettera b dell’art 1 della legge 107/15 che non abbia ottenuto un ambito di titolarità al termine delle operazioni di cui alla fase C dell’allegato 1 del CCNI dell’8 aprile 2016 e sia rimasto assegnato alla provincia di immissione in ruolo, viene assegnato d’ufficio, per il solo anno scolastico 2016/17, ad una sede al termine delle operazioni previste dal presente CCNI anche in soprannumero.

ads