Trasferimenti 2016/17: sono stati disposti su tutti i posti vacanti dell’organico dell’autonomia, quindi anche sul potenziamento

Giulia – Vorrei sapere se è regolare che, dopo essere entrati in ruolo su posto comune da concorso 2012 in fase 0 nel 2014/15, quest’anno, avendo ottenuto il trasferimento, ci si ritrovi a lavorare sul potenziamento. Ringrazio per qualsiasi tipo di chiarimento.

Giovanna Onnis – Gentilissima Giulia,

come stabilisce la legge 107 la mobilità per il corrente anno scolastico si è realizzata su tutti i posti vacanti dell’organico dell’autonomia.

L’organico dell’autonomia, come stabilisce il comma 67, comprende l’organico di  diritto  e  i  posti  per  il potenziamento.  Quindi un docente che ha ottenuto trasferimento su una specifica scuola o su un ambito territoriale è stato soddisfatto nella sua richiesta di mobilità grazie alla disponibilità di una cattedra vacante nella scuola o nell’ambito richiesto.

La cattedra  della classe di concorso di titolarità avuta in trasferimento rientra, quindi,  nell’organico dell’autonomia e, conseguentemente,  potrà essere sia dell’organico di diritto che dell’organico di potenziamento.

Nella domanda di trasferimento non c’era la possibilità di scindere i due organici  e il docente partecipava alla  mobilità per una qualsiasi delle cattedre vacanti  all’interno dell’organico dell’autonomia nella sua interezza.

Il trasferimento ottenuto è pertanto regolare in quanto la tua cattedra di potenziamento rientra a tutti gli effetti nell’organico dell’autonomia dell’istituzione scolastica dove presti servizio

ads