Personale ATA che usufruisce dell’art. 59: possono essere concessi i tre giorni di permesso ma senza retribuzione

 

Davide – Un collaboratore a tempo indeterminato accetta un incarico annuale come assistente tecnico con conservazione del posto.

Può chiedere un giorno di Permesso Retribuito al 100% per motivi personali/familiari, o rientra tra le assenze a tempo determinato senza retribuzione? Sarei grato di sapere la Vostra risposta. Distinti Saluti

di Giovanni Calandrino – Gentile Davide, il personale ATA che dispone dell’aspettativa per accettare nell’ambito del comparto scuola, contratti a tempo determinato di durata non inferiore ad un anno (art. 59 del CCNL scuola). Assume a tutti gli effetti lo status di personale assunto a tempo determinato e quindi con la conseguente applicazione della relativa disciplina giuridica.

In riferimento al comma 7, art. 19 del suddetto CCNL, Al personale docente, educativo ed ATA [omissis]. (Assunto a tempo determinato) Sono, … attribuiti permessi non retribuiti, … previsti dall’art. 15, comma 2 che sarebbero i tre giorni di permesso per motivi personali o familiari documentati anche mediante autocertificazione.

E pertanto, per i motivi appena elencati, al dipendente che usufruisce dell’art. 59 devono essere concessi permessi non retribuiti.

ads