Mobilità 2017/18: nessuna priorità per il trasferimento nella scuola di servizio per assegnazione provvisoria

Antonino – Sono un insegnante di Liceo assunto a tempo  indeterminato nel 2015.  Ho superato l’anno di prova nel giugno 2016. Con la mobilità 2016/17 non ho ottenuto l’ambito richiesto. A ottobre 2016 ho ottenuto l’assegnazione provvisoria su tre scuole della città nella quale risiedo con la mia famiglia. Alla luce del nuovo accordo sulla mobilità, il servizio prestato nelle tre scuole della mia città, può contribuire a innalzare il punteggio sulle scuole in cui ho insegnato quest’anno (nel caso in cui dovessi indicarle nell’elenco delle 15 sedi). In sostanza il fatto di avere insegnato in queste scuole e di poter contribuire alla continuità didattica, nel caso le indicassi nel domanda di mobilità, mi darebbe una qualche forma di priorità/punteggio rispetto ad altri candidati? Grazie

Bonus 500 euro: è possibile pagare le tasse per l’iscrizione a qualsiasi Università statale

Daniele  – Gentile redazione,  sono un docente iscritto ad un corso universitario presso una Università statale. Dalla segreteria mi è giunta la notizia che  non potrò utilizzare il buono per pagare le tasse di iscrizione.  Come è possibile che un ente pubblico non sia accreditato?  È possibile reperire una lista delle Università statali accreditate?  Cordiali saluti

Congedo parentale e periodo retribuito per entrambi i genitori

Annarita  – vorrei una info. Sono docente immessa in ruolo , ho due bimbe 4 anni e 9 mesi. Da settembre sono in congedo per la prima bimba ( 4 mesi fino a febbraio). Vorrei continuare poi con il congedo fino a giugno. Mio marito lavora in ambito ospedaliero, non ha mai usufruito del congedo. Nel caso volesse da settembre chiedere il congedo puo farlo? ho letto che i due genitori non possono superare 11 mesi di congedo in totale, è vero? quando si hanno più figli minori di 8 anni come si procede? terminato il periodo di congedo per la prima figlia posso chiedere altri mesi per la seconda? e mio marito poi da settembre puo chiedere congedo per seguirci? Sono stata immessa in ruolo in Piemonte ma vivo in Campania e vorrei trasferirmi da settembre, quindi vorrei sapere come procedere. Grazie in anticipo e buon anno.

La conferma della supplenza dal 9/1 spetta anche alla docente in interdizione per gravi complicanze della gestazione

Scuola – Una docente titolare assente fino al 22.12.2016 (ultimo giorno di attività didattica) per congedo parentale, ci fa pervenire la messa a disposizione dal giorno 23.12.2016 (quindi interrompe il congedo parentale). Per la sostituzione della docente titolare viene nominata la docente supplente A che dal 17.11.2016 è collocata in interdizione per complicanze della gestazione e di conseguenza in sostituzione della docente A viene nominata un’altra docente supplente B che resta in servizio fino al 22.12.2016. Se la docente titolare dovesse continuare con il congedo parentale alla ripresa delle attività didattiche (09.01.2016) dovremmo prorogare, a tutela della continuità didattica nelle classi, la supplenza alla docente supplente B che è stata effettivamente in servizio sino al 22.12.2016 e/o anche alla docente supplente A che è in interdizione per complicanze della gestazione? Altresì, alla docente supplente A è stata riconosciuta l’indennità di maternità fuori nomina per il periodo 23.12.2016-08.01.2016. Certi di un vs. riscontro, porgiamo cordiali saluti.

Bonus 500 euro:: ente non vuole accreditarsi, soldi già spesi

Maestra Elisa – Mi sono iscritta ad un corso presso un ente accreditato dal Miur che è iniziato ad Ottobre. Poichè l’ente compariva nell’elenco enti accreditati e qualificati direttiva 170 / 2016 ero sicura di poter usare i 500 euro per pagare una parte di quel corso. Tuttavia l’ente non intende registrarsi sulla piattaforma o comunque permetterà di pagare con la carta solo alcuni tipi di corso (non quello scelto da me) e quindi non posso pagare il corso con la carta del docente. Ho effettuato il pagamento del corso dopo il 30 Novembre perchè non sapevo nulla di tutto ciò ed ero sicura che sarebbe stato possibile pagarlo con il bonus. Visto che comunque l’ente compare nell’elenco sopra citato non posso rendicontare come lo scorso anno?  Grazie per la risposta.

Bonus 500 euro: dal 1° dicembre si spende solo attraverso la piattaforma, non esistono modalità alternative

Carmelina – E’ la seconda volta che scrivo e spero di avere più fortuna rispetto alla prima; nella prima mail chiedevo cosa fare di quegli acquisti effettuati nel periodo limbo: 30 novembre 2016 all’ottenimento dello SPID; è possibile rendicontarli? Al momento tutte le vostre risposte parlano di autocertificazione degli acquisti fatti entro il 30 novembre 2016, ma io sono in attesa dello SPID; posso avere il rimborso delle spese effettuate nel periodo limbo? Se non lo sapete potete per favore rispondere comunque?

Bonus 500 euro: si può acquistare sia pc che tablet nello stesso anno scolastico

Maria Antonietta – Gentilissimi, sono un’insegnante di ruolo della scuola primaria.
Vorrei chiedere se con la carta del docente posso acquistare contemporaneamente sia un tablet che un computer. Se la risposta fosse affermativa e la cifra raggiunta superasse i 500 euro, c’è qualcosa che dovrei fare per giustificare tale eccedenza?
Vi ringrazio anticipatamente e vi faccio i complimenti per la chiarezza con cui affrontate tutte le notizie che pubblicate.

Bonus 500 euro 2015/16 e 2016/17: tanta confusione e utili chiarimenti

Loredana – Gentilissimi, sono una docente di ruolo dal 2015 che ha già usato parte del Bonus dello scorso anno (circa 300,00 Euro) già rendicontato presso la scuola di servizio provvisoria. Dal primo settembre al 30 Novembre ho utilizzato i rimanenti 200,00 Euro non spesi per l’acquisto di libri e materiale didattico di cui possiedo fatture. Avevo letto in un vostro articolo di qualche mese fa che tali spese potevano essere recuperate, relativamente all’anno scolastico 2015-2016, attraverso la consegna dei documenti di spesa alla scuola di servizio.

Ore eccedenti le 18 su cattedra istituzionale: il pagamento spetta per l’intero anno scolastico,

Maurizio –  Sono un vostro affezionato lettore, le vostre risposte sono chiare e precise. Pongo questo quesito:  premesso che sono insegnante di ruolo da 30 anni, la dirigente della scuola nella quale insegno  mi ha assegnato questo anno una cattedra “istituzionale” di 19 ore, classe di concorso  A017,  in un istituto alberghiero, ma sul contratto mi ha fatto sottoscrivere che la 19ema ora mi verrà pagata solo fino al 30 giugno.

Aspettativa per motivi di famiglia e/o personali. Chiarimenti.

Anna  – Buongiorno. Sono una docente di ruolo di scuola dell’infanzia. A settembre di quest’anno ho usufruito di trentacinque giorni di aspettativa per motivi di famiglia senza retribuzione in quanto ho affrontato un trasloco da Lecce a Udine.  A fine gennaio però dovrò purtroppo effettuare un nuovo trasloco per problemi insorti nella casa in cui abitiamo. La mia domanda è questa: è possibile usufruire di un’altra aspettativa di circa quindici giorni, oppure non la si può richiedere nell’arco dello stesso anno scolastico? Aggiungo che ho già usufruito dei tre giorni di permesso retribuito e non vorrei consumare anche le ferie anticipate. Grazie molte per la gentile risposta che vorrete darmi. Cordiali saluti

Bonus 500 euro: chi non ha lo smartphone fa doppia fatica

Sono un insegnante destinatario del buono di 500 Euro e chiedo lumi su quanto segue: vorrei comprare libri, dizionari e CD; mi si richiede di creare il buono prima di effettuare acquisti: ma se io non so ancora quanto spenderò, come posso indicare la cifra? Dato che non ho nessun Iphone o cose simili, devo presentarmi al negoziante con il buono cartaceo. E’ possibile inserire l’importo dopo? Oppure c’è qualche altro sistema?

Il pensionamento coatto può avvenire per: a) età anagrafica; b) anzianità contributiva

Scuola –  Sono un Ass.te Amm.va è avrei un quesito da proporle,  un docente che è nato il 25/06/1950 e non ha ancora maturato i 20 anni di contribuzione si deve mettere in pensione d’ufficio o può chiedere di rimanere sino al completamento dell’anzianità contributiva?. La ringrazio per la sua disponibilità e aspetto una risposta in merito

Pensionamento forzato nel 2018, considerati i 42 anni e 10 mesi di servizio

Giuseppe  – Desidererei un consulto rispetto alla mia situazione: Nato il 10/marzo 1954, con 12 mesi e 28 giorni di servizio militare riscattato in servizio dal 28/11/1976, classe di concorso in esubero sia a livello provinciale che nazionale, Aderente al fondo Espero dal 2011. Secondo la normativa vigente quando posso produrre  domanda di pensione di anzianità, quando e previsto il collocamento in pensione d’ufficio? Grazie

Pensione di vecchiaia

Grazia – Buongiorno…..sono un’insegnante di scuola primaria…nata il 2/7/51….con 24 anni di servizio…..quando potro’ andare in pensione? con la legge Fornero a 66anni e 7 mesi… quindi dal 1/9/2018…..7 mesi dopo I 66 e 7 mesi….grazie

Raggiungimento dei requisiti per il pensionamento di vecchiaia nel 2021

Docente –  sono un insegnante di scuola secondaria di II grado, nato il 4/10/1954 e con (riscatto studi universitari e militare compreso) 37 anni, 8 mesi e 55 giorni di servizio all’ 1/12/2016. Quando potrò andare in pensione? Ho 859 giorni di iscrizione alla Cassa Ingegneri e nel 2009 ho chiesto la ricongiunzione li posso sommare al servizio prestato nella scuola? Grazie attendo la sua cortese risposta

Cattedra Orario Esterna: come si può modificare scuola di completamento?

Antonella  – Sono un’insegnante di ruolo in una scuola secondaria I grado in servizio su una COE composta da 3 scuole in 3 comuni diversi. Negli ultimi anni ho richiesto ottimizzazione cattedra per ovviare alla scomodità della terza scuola ma senza risultato, e temo che la situazione non sia destinata a cambiare, nel senso che difficilmente la mia diventerà una COI (scuole piccole, poche classi…).

Congedo per cure invalidi. Chiarimenti

Mary – Chiedo cortesemente un chiarimento riferito al conteggio dei 30 gg di assenza per invalidi oltre il 50% a T.I., la mia segreteria sostiene che nel programma delle paghe da loro usato, non esiste la deroga dal computo, per cui mi sono vista computare i 30 giorni come malattia ,è corretto? Grazie se mi vorrete rispondere.

Aspettativa per svolgere altro lavoro presso un’amministrazione pubblica

Maria  – Gentilissimi consulenti, sono un’insegnante a tempo indeterminato presso le scuole superiori che sta per ricevere una nuova proposta di assunzione come esperto informatico presso un’altra amministrazione pubblica, a seguito di un concorso vinto anni fa.  Sarei interessata ad accettare perchè questa esperienza mi arricchirebbe professionalmente, anche per riversare in futuro l’esperienza nella scuola. Non voglio lasciare la scuola al momento. Vorrei sapere se ci sono forme di compatibilità tra le due forme di assunzione, magari prendendo una forma di congedo a scuola o componendo assieme due part-time. In attesa di una risposta, vi faccio i migliori auguri di Buon Natale.