Supplenza fino avente titolo e nuova convocazione. Chiarimenti per la scuola

Scuola – Su convocazione da III fascia sono state attribuite 2 supplenze, una per 18 ore e l’altra per 8 ore fino nomina fino all’avente diritto. Successivamente l’UST ha decretato l’inserimento con riserva nelle GAE dei docenti abilitati TFA/PAS destinatari di ordinanze cautelari favorevoli, disponendo che le scuole procedessero alla rettifica cartacea delle graduatorie d’istituto di prima fascia con l’inserimento manuale a pettine dei docenti abilitati menzionati. A seguito di questa disposizione l’UST ha provveduto a convocare i docenti inseriti con riserva attribuendo la cattedra di 18 ore che la ns scuola aveva attribuito fino all’avente diritto, lasciando lo spezzone di 8 ore nella ns disponibilità. Si chiede se, per lo spezzone di 8 ore, la scuola deve riconvocare la docente che ha dovuto lasciare le 18 ore fino all’avente diritto per effetto della nomina dell’UST del docente inserito nella GAE con riserva, o deve procedere, come previsto, a confermare fino al 30 giugno il docente già destinatario della supplenza fino all’avente diritto. Distinti saluti.

Paolo Pizzo – Gentile scuola,

le supplenze “fino avente diritto” sono tali fin quando gli ATP non terminano le operazioni di supplenza dalle GAE. Dopo tali operazioni, i posti eventualmente rimasti e non assegnati per mancanza di aspiranti passano alla competenza del DS che dovrà utilizzare le GI del proprio istituto partendo dalla I fascia.

E’ il caso in questione.

Pertanto, la scuola, constatata la disponibilità delle 8 ore deve procedere a nuova convocazione riscorrendo le graduatorie di istituto a partire dalla prima fascia e assegnarlo al primo docente disponibile, non potendo assegnare direttamente la supplenza al docente “fino avente diritto”.

Si tratta infatti di nuova convocazione.

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads