Supplenze ATA: il personale che ha rifiutato il posto intero, ha diritto al completamento?

Miky – Buon giorno, sono un Assistente Amministrativo, volevo chiederle una delucidazione in merito ad una convocazione che mi è stata vietata di accettare.Da premettere il mio status è di prima fascia come Ass.Amm.vo e quest’ anno quando sono andato a scegliere il posto al CSA, non ho accettato uno intero di 36 ore ma bensì uno di 28 ore fino al 30 giugno.
Successivamente nella mia scuola si è liberato un posto di 36 ore del mio stesso profilo fino al 30 giugno, io volevo accettare x completamento (8 ore), ma il Dirigente non me lo ha permesso.
È legale tutto questo?
La ringrazio anticipatamente e le auguro una buona giornata.

di Giovanni Calandrino – Gentile Miky, in riferimento al D.M. 430 del 13.12.2000, art. 4 comma 1 All’aspirante cui viene conferita una supplenza con orario ridotto in conseguenza della costituzione di posti di lavoro a tempo parziale per il personale di ruolo, conserva titolo, in relazione alle utili posizioni occupate nelle varie graduatorie di supplenza, a conseguire il completamento d’orario fino al raggiungimento dell’orario ordinario di lavoro previsto per il corrispondente personale di ruolo.
E ancora, in riferimento, alla circolare delle supplenze prot. n. 24306 del 01-09-2016, Per le supplenze attribuite su spezzone orario, è garantito in ogni caso il completamento. Pertanto qualora non fosse possibile completare l’orario, è consentito lasciare uno spezzone per accettare un posto intero, purché al momento della convocazione per lo spezzone non vi fosse disponibilità per posto intero.
Per i motivi appena espressi conserva titolo al completamento orario.

Posted on by nella categoria Ata
Versione stampabile
ads ads