Bonus 500 euro: il cumulo del bonus 2015/16 con quello 2016/17 determina due differenti modalità di spesa e rendicontazione

Giuseppe –  Sono un docente neo-immesso in ruolo con decorrenza giuridica settembre 2015 e  con presa differita di servizio al settembre 2016. A dicembre c.m. mi sono ritrovato un bonus di formazione di € 500 sullo stipendio specificando che è dell’a.s. 2015/2016. Mi chiedo quando lo devo rendicontare visto che l’accredito è avvenuto a dicembre 2016? Grazie

Giovanna Onnis  – Gentilissimo Giuseppe,

per spendere e rendicontare il bonus 2015/16 hai tempo fino al 31 agosto 2017.

In base al DPCM 28 novembre 2016, infatti, come esplicitato chiaramente nel nostro articolo, le somme non spese del bonus  2015/16 “devono essere improrogabilmente utilizzate e rendicontate entro il 31 agosto 2017, nel rispetto delle modalità previste per lo scorso anno, secondo le indicazioni fornite nel DM n. 642 del 9 agosto 2016. Le predette somme, non rendicontate al 31 agosto 2017, saranno recuperate a valere sull’erogazione dell’anno scolastico 2017/2018 e le somme non rendicontate correttamente o eventualmente utilizzate per spese inammissibili sono recuperate a valere sulle risorse disponibili sulla Carta con l’erogazione riferita all’anno scolastico successivo

Avendo ricevuto il bonus nel mese corrente, hai chiaramente a disposizione l’intera cifra erogata alla quale potrai aggiungere i 500 euro 2016/17 che risultano disponibili nella piattaforma ministeriale “Carta del Docente” dove potrai generare i buoni spesa da utilizzare presso esercenti ed enti accreditati dal MIUR.

Disponi, quindi, di una somma totale di 1000 euro che dovrai spendere e rendicontare con modalità differente, distinguendo i 500 euro 2015/16 (in contanti) e i 500 euro 2016/17 (buoni spesa generati online)

Posted on by nella categoria Bonus 500 euro
Versione stampabile
ads ads