Pagamento vacanze di Natale personale ATA. Chiarimenti per la scuola

Scuola – Gentilissimi, un collaboratore scolastico è stato assente per malattia dal 04/12/2016 al 20/12/2016. Oggi 21/12/2016 continua l’assenza per malattia fino al 09/01/2017. Al supplente che lo ha sostituito fino al 20/12/2016 1) bisogna fare la proroga fino al 22/12/2016 (giorno di chiusura delle attività didattiche) oppure fino al 09/01/2017 (ultimo giorno di malattia)? 2) Se si fa la proroga fino al 22/12/2016, alla ripresa delle attività didattiche (09/01/2017) si deve richiamare lo stesso supplente solo per 1 giorno e senza dare le vacanze di Natale, dato che non ci sono i famosi 7 giorni dopo? 3) Se il titolare continua ancora ad assentarsi per malattia bisogna fare un contratto anche per l’intero periodo delle vacanze? In attesa del Vostro chiarimento si coglie l’occasione per fare gli auguri di Buon Natale e Felice Anno Nuovo a tutto lo staff di Orizzonte Scuola.

Paolo Pizzo – Gentile scuola,

Il MIUR, con nota Prot. AOODGPER n. 13650 Roma, 18 DIC. 2013, in relazione all’art. 40 (personale docente ed educativo) e art. 60 (personale ATA) del CCNL/2007 ha chiarito che:

“Le disposizioni citate prevedono che qualora il titolare si assenti in un’unica soluzione a decorrere da data anteriore di almeno 7 giorni dall’inizio di un periodo predeterminato di sospensione delle lezioni e fino a una data non inferiore a 7 giorni successivi a quello di ripresa delle lezioni, il rapporto di lavoro a tempo determinato nei riguardi del supplente temporaneo venga costituito per l’intera durata dell’assenza, includendovi, quindi, anche il periodo sospensivo delle lezioni.

L’ARAN ha, poi, successivamente chiarito che la fattispecie si realizza a prescindere da come siano avvenute le modalità di assenza del titolare e cioè sia con unica richiesta di assenza o con più richieste presentate in successione. In relazione a quest’ultima circostanza risulta che il diritto del supplente al pagamento del periodo di sospensione delle lezioni può non rappresentarsi immediatamente all’atto della redazione del primo contratto e, in tali casi, può rendersi necessario provvedere alla contrattualizzazione e alla liquidazione del periodo sospensivo con specifico contratto a parte solo quando vi sia certezza che si siano realizzate le condizioni previste dalle disposizioni in esame.”

Pertanto, a parere di chi scrive, questa la procedura che dovrete adottare:

il contratto dovrà terminare l’ultimo giorno di lezioni perché è quel giorno che terminano le “esigenze di servizio”;

poi richiamare il supplente il 9 gennaio e a questo punto le soluzioni potranno essere due:

  • se il titolare proroga l’assenza fino ad almeno il 15/1, al supplente andrà effettuato un contratto che copra l’intero periodo delle vacanze rientrando nella fattispecie dell’art 60 del CCNL/2007;
  • se il titolare rientra in servizio il 10 il supplente ovviamente decade; se invece proroga l’assenza meno dei 7 gg richiesti dalla norma, il supplente avrà solo il contratto per i giorni necessari (dal 9 per intenderci).

Attenzione: la prima ipotesi potrebbe verificarsi anche con più assenze del titolare: es. prima dal 10 al 13 gennaio, poi dal 14 e così via…(l’importante è che ci siano i 7 gg).

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads