Sostegno e unicità di insegnamento. Chiarimenti

Simonetta – Buongiorno e auguri a tutti! Sono una docente di scuola secondaria di primo grado e referente per il sostegno. Vorrei porvi questa domanda: nella mia scuola è stato dato un posto intero in deroga per un ragazzo con una grave disabilità. Si deve nominare un docente per le 18 ore o si è obbligati a dare 6 ore a una docente che ha già 12 ore, sempre di sostegno, e avrebbe diritto al completamento? in questo modo però si spezzerebbe la cattedra!  grazie per la vostra gentilezza e auguri per il nuovo anno.

Paolo Pizzo – Gentilissima Simonetta,

l’art 4 del DM 131/07 dispone che l’aspirante cui viene conferita, in caso di assenza di posti interi, una supplenza ad orario non intero […] conserva titolo, in relazione alle utili posizioni occupate nelle varie graduatorie di supplenza, a conseguire il completamento d’orario, esclusivamente nell’ambito di una sola provincia, fino al raggiungimento dell’orario obbligatorio di insegnamento previsto per il corrispondente personale di ruolo. Tale completamento può attuarsi anche mediante il frazionamento orario delle relative disponibilità, salvaguardando in ogni caso l’unicità dell’insegnamento nella classe e nelle attività di sostegno.

Pertanto, la prima cosa da valutare è se il posto di sostegno è in rapporto 1/1. Se così fosse non è possibile “spezzare” la cattedra la quale andrà assegnata ad un solo docente con lo scorrimento delle GI convocando di conseguenza solo i docenti totalmente liberi o quelli che sono occupati per supplenze brevi (inferiori al “termine delle lezioni”).

Ammesso invece che il rapporto non sia 1/1 e quindi la cattedra possa essere spezzata, la scuola, nello scorrere le GI per assegnare le ore potrà fermarsi, spezzando la cattedra, nel momento in cui trovi un docente che abbia titolo al completamento orario.

Nel caso ci fosse già un supplente in servizio interno questi avrà titolo al completamento solo se utilmente collocato nella graduatoria di istituto.

In nessun caso le ore possono infatti essere direttamente assegnate al supplente interno il quale non ha nessuna priorità nell’assegnazione di dette ore.

 

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads