Trasferimento 2017/18: nessun vincolo triennale anche per i docenti neo-immessi

Valeria – In quanto vincitrice di concorso sono stata assunta in ruolo a settembre firmando un contratto triennale con la scuola nella quale lavoro.
Ho letto che la mobilità per il prossimo anno prescinde i vincoli di triennalità, ma mi chiedo se questo vale anche per chi sta attualmente svolgendo l’anno di prova. Grazie in anticipo

Giovanna Onnis – Gentilissima Valeria,

l’accordo sulla mobilità firmato il 29 dicembre stabilisce, tra le novità, quella di poter partecipare alla mobilità senza vincoli temporali.

Non esisterà, quindi, per la mobilità 2017/18 il vincolo triennale di permanenza nella provincia di immissione in ruolo e anche i docenti con incarico triennale potranno chiedere trasferimento su scuola o su ambito a prescindere dall’ambito di titolarità e dalla scuola in cui hanno incarico triennale.

Rimaniamo chiaramente in attesa di conferma in fase di contrattazione con esplicitazione nel CCNI, ma l’argomento viene indicato nell’accordo come punto prioritario da prendere in considerazione per la stipula del contratto, come di seguito riportato:

Svincolo dall’obbligo della permanenza triennale nella provincia e dell’incarico su scuola per tutti i docenti in considerazione della trasformazione dell’organico di fatto in diritto previsto dalla legge di Bilancio 2017

Il fatto che tu sia in anno di prova non ti impedisce di presentare domanda di trasferimento.

Il non aver superato ancora l’anno di prova non ti consente di partecipare alla mobilità professionale (passaggio di cattedra e passaggio di ruolo), ma non rappresenta nessun impedimento per la mobilità territoriale.

Tutti i docenti, quindi,  indipendentemente dall’anno di assunzione, potranno presentare domanda di trasferimento sia provinciale che interprovinciale  e anche il docente assunto su ambito territoriale potrà richiedere trasferimento su scuola.

ads