Mobilità 2017/18: quale titolarità, scuola o ambito?

Tania –  Vorrei gentilmente avere dei chiarimenti in merito alla mobilità provinciale. Sono insegnante di sostegno infanzia ed ho ottenuto trasferimento interprovinciale con titolarità su scuola. Posso quest’anno anno produrre domanda di mobilità su scuole di un altro ambito? In questo caso otterrei sempre titolarità su scuola o su ambito? In attesa di chiarimenti porgo cordiali saluti

Giovanna Onnis – Gentilissima Tania,

la risposta al tuo primo quesito è sicuramente affermativa.

Potrai chiedere per il prossimo anno scolastico trasferimento,  esprimendo preferenze su scuole che appartengono anche ad un ambito diverso rispetto a quello del quale fa parte la tua attuale scuola di titolarità.

Secondo le novità  previste nell’intesa sulla mobilitò firmata il 29 dicembre, come da noi prontamente segnalato, novità  che dovranno comunque essere confermate nel CCNI, sarà possibile esprimere nella domanda 15 preferenze, delle quali fino a 5 scuole di ambiti diversi o stesso ambito e fino a 10 ambiti territoriali.

Chiaramente se ottieni una delle scuole richieste sarai titolare nella scuola, altrimenti se sarai accontentata in uno degli ambiti richiesti avrai titolarità nell’ambito e sarai sottoposta a chiamata diretta per la quale nell’intesa  firmata si prevede un accordo separato e parallelo, da sottoscrivere contestualmente al contratto sulla mobilità, nel quale dovranno essere chiarite procedure e modalità per l’assegnazione alle scuole dei docenti assegnati negli ambiti, “sulla base di scelte che valorizzino il Collegio Docenti e le sue articolazioni, in un quadro di requisiti stabiliti a livello nazionale per assicurare imparzialità e trasparenza”

ads