Ordine di servizio Assistente tecnico per scrutini

 

Daniela – Salve sono un Assistente Tecnico Lab Fisica area AR08; nei prossimi giorni a scuola in occasione degli scrutini ci è stato chiesto a turno di lavorare nel pomeriggio anzichè la mattina per avere la presenza di un tecnico durante gli scrutini. Posso essere obbligata (con ordine servizio) a fare ciò anche se sono dell’area di Fisica?

di Giovanni Calandrino – Gentilissima Daniela, innanzitutto ricordiamo brevemente le mansioni previste da contratto di un assistente tecnico: conduzione tecnica dei laboratori, officine e reparti di lavorazione, garantendone l’efficienza e la funzionalità. Provvede all’assistenza tecnica e alle esercitazioni didattiche per almeno 24 ore settimanali in compresenza del docente e per le restanti 12 ore per la manutenzione e riparazione delle attrezzature tecnico – scientifiche dei laboratori cui è addetto e la preparazione del materiale per le esercitazioni.

Guida gli autoveicoli e si occupa della loro manutenzione ordinaria. Assolve inoltre i servizi esterni connessi con il proprio lavoro.

Nel quesito però, non si evidenzia la motivazione oggettiva che ha il suo DS per mantenerla in servizio durante le ore pomeridiane. Pertanto se la presenza dell’A.T. è richiesta per espletare le mansioni prettamente previste da contratto, a parere dello scrivente una disposizione di cambio turno pomeridiano può essere legittima. Tuttavia se la disposizione impartita sembra palesemente illegittima (per l’esecuzione di eventuali altre mansioni, non previste dal proprio profilo professionale), l’ordine di servizio scritto va richiesto. Per eventuale contestazione. Cosi come novellato dall’art. 92 comma 3 lettera l del CCNL

l) eseguire gli ordini inerenti all’esplicazione delle proprie funzioni o mansioni che gli siano impartiti dai superiori. Se ritiene che l’ordine sia palesemente illegittimo, il dipendente deve farne rimostranza a chi l’ha impartito dichiarandone le ragioni; se l’ordine è rinnovato per iscritto ha il dovere di darvi esecuzione. Il dipendente, non deve, comunque, eseguire l’ordine quando l’atto sia vietato dalla legge penale o costituisca illecito amministrativo;”.

Posted on by nella categoria Ata
Versione stampabile
ads ads