Anno di prova e 180/120 gg da maturare. Chiarimenti

Letizia – Buongiorno a tutti, sono una neoimmessa in ruolo (in data 15 settembre 2016) e sto svolgendo il mio anno di prova. Sono stata sottoposta a un intervento chirurgico e per questo avrò una settimana di malattia. Inoltre, ad aprile mi sposerò e chiederò i 15 gg di congedo.  Conosco la regola dei 180 gg (120 di servizio effettivo), ma ho sempre paura di sforare con eventuali giorni di assenza aggiuntivi. Quanti solo i giorni massimi da poter saltare perché l’anno di prova sia valido? So che sono molte le domande simili, ma una stima effettiva dei giorni “di permesso” potrebbe davvero rasserenarmi. Grazie mille.

Paolo Pizzo – Gentilissima Letizia,

né i giorni di malattia né quelli di congedo per matrimonio rientreranno nei 180/120 gg utili iper il periodo di prova e formazione.

Il problema maggiore a mio avviso è soprattutto per i 120.

Infatti, questi ultimi, a differenza dei 180 (nei quali rientrano i periodi di sospensione delle lezioni, le domeniche, il giorno libero…), sono ritenuti “effettivi” solo se il docente è presente a scuola (non solo per attività didattica ma anche per incontri collegiali, progetti ecc.).

Pertanto, io mi preoccuperei di effettuare una previsione per i 120 gg che di solito si raggiungono, a meno di prolungate assenze, solo nei mesi di marzo/aprile.

Pertanto, non esistono giorni da poter “saltare”, ma dovrai fare il conteggio dei giorni in cui sarai presente a scuola, non solo quando sei effettivamente in classe ma anche quelli relativi per esempio a scrutini, collegi ecc. qualora si svolgano in giornate in cui non hai attività didattica.

ads