Requisiti previsti dalla cosiddetta “opzione donna”

Carla – sono docente di scuola media superiore, in ruolo dal 1988. Sono nata il 4 giugno del 1958. Con la ricostruzione di carriera e il servizio pre-ruolo ho maturato i 35 anni di contributi previsti dalla legge Maroni “Opzione Donne” nell’agosto del 2016. Secondo voi, posso usufruire dell’uscita anticipata, optando per il sistema contributivo, come previsto da questa legge? Il problema è che con la legge di stabilità 2017 si fa riferimento alla maturazione dei requisiti utili entro il  31 dicembre 2015. Ma per noi docenti dovrebbe valere la fine dell’anno scolastico, e non dell’anno solare. Vi ringrazio anticipatamente per una vostra cortese risposta. Cordiali saluti.

FP– Gentile Docente,

in merito alla sua richiesta le segnalo che i requisiti previsti dalla cosiddetta “opzione donna” (57 anni di età e 35 anni di contributi) devono essere posseduti entro il 31/12/2015, mentre l’esercizio dell’opzione può essere esercitato anche oltre la suddetta data.

Per completezza di informazione e a conferma di quanto appena indicato, le segnalo quanto previsto dalla circolare MIUR – prot. 38646 del 7/12/2016:

“Pertanto, la data del 31 dicembre 2015 è da considerarsi quale termine entro il quale devono essere soddisfatti i soli requisiti contributivi e anagrafici per il diritto alla pensione di anzianità in regime sperimentale donna.”

Le predette lavoratrici potranno pertanto presentare istanza di dimissioni secondo le scadenze fissate con D.M. 941/ 2016 ed accedere alla pensione a decorrere dal 1° settembre 2017.

Con la nota 145949 dello scorso 14 settembre l’INPS ha precisato che le lavoratrici che abbiano maturato i requisiti di decorrenza della pensione per poter esercitare l’opzione donna entro il 31 dicembre 2015, potranno presentare domanda anche in una data successiva.

Posted on by nella categoria Pensioni
Versione stampabile
ads