Bonus 500 euro: l’autocertificazione riguarda esclusivamente le spese effettuate nel periodo 1 settembre-30 novembre 2016

Monica – Sono una docente di scuola media e avrei questo quesito da porle in riferimento alle spese da autocertificare sulla carta del docente. Ho fatto un abbonamento  a teatro a giugno 2016 (pagamento giugno 2016) ma riferito alla stagione 2016-2017. Posso metterlo in detrazione nell’autocertificazione? Grazie

Giovanna Onnis – Gentilissima Monica,

l‘abbonamento acquistato nel mese di giugno 2016 riguarda lo scorso anno scolastico 2015/16 che si è concluso il 31 agosto 2016, non ha nessuna influenza il fatto che si tratta della stagione teatrale 2016-2017

L’autocertificazione che puoi generare nella piattaforma ministeriale “Carta del docente” riguarda le spese effettuate nel corrente anno scolastico 2016/17 nel periodo che va dal 1 settembre  al 30 novembre2016

L’articolo 12 comma 3 del DPCM del 28 novembre stabilisce, infatti,  che i docenti che abbiano effettuato acquisti nel periodo succitato potranno ottenere il riconoscimento di tali spese a valere sulla disponibilità della propria carta per il corrente anno scolastico. L’importo autocertificato sarà, quindi sottratto dalla somma totale disponibile per il corrente anno scolastico.

Questa autocertificazione, corredata dei relativi scontrini e/o fatture di acquisto, dovrà essere consegnata alla scuola di servizio, il cui Dirigente scolastico avrà il compito di controllarne la conformità con quanto stabilito dalla norma.

La spesa alla quale ti riferisci, quindi, non rientra nell’autocertificazione e,  purtroppo per te,  non potrai rendicontarla neanche come acquisto effettuato con il bonus dello scorso anno in quanto si tratta di spesa effettuata entro il 31 agosto 2016 e come tale avresti dovuto rendicontarla nei termini di scadenza , cioè, appunto,  il 31 agosto 2016.

E’ vero che il DPCM del 28 novembre 2016 stabilisce che le somme dell’a.s. 2015/16 non spese entro il 31 agosto 2016 possono essere utilizzate e rendicontate entro il 31 agosto 2017, ma si tratta comunque di spese effettuate, per così dire, in ritardo rispetto all’iniziale scadenza e non è questo il tuo caso

ads