Anno di prova: lo svolgimento non è a discrezione del dirigente scolastico che deve attenersi alla normativa

Mirella – Ho da farti una domanda per il mio anno di prova per “passaggio di ruolo”. Quest’anno dalla scuola dell’infanzia ho fatto il passaggio di ruolo sul sostegno primaria. Mi è stato detto che, essendo un passaggio di ruolo per due gradi di scuola diversi (da infanzia a sostegno primaria) dovevo rifare tutto l’iter burocratico di un neoimmesso:

-180 giorni

-corso di formazione in presenza presso una scuola

-corso in piattaforma con tutor ed altro

-discussione finale dinanzi al comitato di valutazione.

Dei sindacalisti con i quali ho parlato e un dirigente scolastico tuttavia, stanno confermando che non è stata cambiata la vecchia legge sui passaggi di ruolo dalla attuale 107/2015 per cui non è obbligatorio rifare tutto l’iter per coloro che già sono di ruolo ed hanno quindi superato negli anni precedenti l’anno di prova. Questa notizia mi è stata detta da sindacalisti e dirigenti che NON hanno fatto “rifare” tutto l’iter per un passaggio di ruolo ma solo richiesto i 180 giorni.

Puoi darmi ragguaglio? Puoi dirmi qualcosa? È a discrezione del dirigente?

Mi spetta rifare anno di prova con tutti gli annessi burocratici? Grazie.

Giovanna Onnis – Gentilissima Mirella,

l’informazione che ti hanno fornito i sindacalisti di cui parli non è corretta.

Sicuramente le decisioni in merito all’anno di prova non sono e non possono essere a discrezione dei dirigenti scolastici che devono, invece, attenersi alla normativa.

La normativa è rappresentata dal DM 850/2015  che nell’art. 2 comma 1 prevede quanto segue:

Sono tenuti ad effettuare il periodo di formazione e di prova:

a. i docenti che si trovano al primo anno di servizio con incarico a tempo indeterminato, a qualunque titolo conferito, e che aspirino alla conferma nel ruolo;

b. i docenti per i quali sia stata richiesta la proroga del periodo di formazione e prova o che non abbiano potuto completarlo negli anni precedenti. In ogni caso la ripetizione del periodo comporta la partecipazione alle connesse attività di formazione, che sono da considerarsi parte integrante del servizio in anno di prova;

c. i docenti per i quali sia stato disposto il passaggio di ruolo.

Come puoi notare si parla di “periodo di formazione e prova” e sono coinvolti, come chiarisce il punto c) anche i docenti che, come te, hanno ottenuto il passaggio0 di ruolo.

Quindi sei tenuta allo svolgimento dell’anno di prova e formazione nella sua interezza secondo l’iter che tu stessa hai indicato

 

ads ads