Mobilità per docente coniuge di militare trasferito d’autorità: diritto alla precedenza per trasferimento, ma non per passaggio

Giovanna – Sono una docente in anno di prova, che ha ottenuto nel seguente anno scolastico il passaggio di ruolo. Per motivi di salute non riuscirò a fare l’ anno di prova. Essendo moglie di coniuge militare trasferito d’ autorità, posso presentare domanda di trasferimento nella provincia dove si trova mio marito, anche se non ho superato l’ anno di prova? Ho diritto alla precedenza nel trasferimento? Grazie

Giovanna Onnis – Gentilissima Giovanna,

anche se non hai superato l’anno di prova potrai chiedere per il prossimo anno trasferimento e, se otterrai il movimento richiesto, svolgerai l’anno di prova nella nuova sede di titolarità.

Nel trasferimento, come docente coniuge di  militare trasferito d’autorità, potrai usufruire della precedenza prevista nell’art.13 dell’ipotesi di CCNI 2017/18.

Si tratta della precedenza inserita nel comma 1 punto VI) riguardante, appunto il personale coniuge di militare o di categoria equiparata, e per usufruirne è necessario che la prima preferenza espressa nel modulo domanda si riferisca al comune nel quale è stato trasferito d’ufficio il coniuge, in mancanza di istituzioni scolastiche richiedibili, va indicata una preferenza relativa al comune viciniore.

Ti ricordo che questa precedenza è valida per la mobilità territoriale, ma non per quella professionale

 

ads