Trasferimento in un istituto superiore con sedi in comuni diversi: la titolarità sarà nell’intero istituto e non nella singola sede

Claudia – Sono un’insegnante che intende fare domanda di mobilità per passaggio di ruolo dalla  scuola secondaria di primo grado alla  scuola superiore.  Tra le  5 scuole che vorrei mettere c’è un liceo artistico che ha la sede principale in città e una sezione staccata in un’altro comune (un paesino vicino). Pur essendo un unico istituto i codici delle 2 scuole sono diversi. Si dovrebbero liberare 2 cattedre che riguardano la  mia classe di concorso 1 in città e 1 nel paese vicino dove io non vorrei andare, vi chiedo se mettendo il codice della scuola principale rischio comunque di essere assegnata alla sezione distaccata nell’altro comune.  Grazie per il vostro lavoro.

Giovanna Onnis – Gentilissima Claudia,

dal prossimo anno  è prevista l’unificazione dell’organico per gli istituti di istruzione superiore con sedi anche in comuni diversi.

Anche la scuola di cui parli, quindi, sarà coinvolta in questa unificazione che determinerà unico codice meccanografico e unica graduatoria interna per ogni classe di concorso.

Nella domanda di trasferimento, quindi, non potrai optare per una sede escludendo l’altra, ma dovrai esprimere preferenza nell’intero istituto  comprendendo, in questo modo, tutte le sede ad esso appartenenti.

In caso di trasferimento acquisirai titolarità nell’istituto e l’attribuzione della sede sarà competenza del dirigente scolastico che dovrà tener conto dei criteri definiti dalla contrattazione di istituto, come abbiamo chiarito nel nostro articolo

Mobilità, Preside potrebbe decidere in quali sedi dello stesso comune sistemare docenti, anche chi non ha presentato domanda di trasferimento

Posted on by nella categoria Mobilità
Versione stampabile
ads ads