Trasferimento: non è possibile presentare domanda nella scuola di titolarità per passare dal potenziamento a cattedra di diritto

Rosella – Sono docente di scuola secondaria di primo grado in un istituto comprensivo. Lo scorso anno scolastico ho avuto il trasferimento nel potenziamento nella mia attuale sede di servizio e di titolarità. Il prossimo anno scolastico, in questa scuola, si libererà una cattedra nella mia classe di concorso e non mi è chiaro se debba partecipare alla mobilità per ottenere la titolarità in quella cattedra o se ciò possa avvenire in automatico. Nel caso debba partecipare alla mobilità, avrei la precedenza su eventuali altre richieste da parte di docenti di altre scuole, dal momento che io ho già titolarità in quella sede? In attesa di risposta, porgo cordiali saluti

Giovanna Onnis – Gentilissima Rosella,

il trasferimento ottenuto l’anno scorso ti ha fatto acquisire titolarità nella scuola e precisamente nell’organico dell’autonomia dell’istituzione scolastica a prescindere dalla cattedra o posto di insegnamento che ti è stato assegnato.

Come docente titolare nella scuola, anche se lavori sul potenziamento, non puoi chiedere trasferimento nella stessa scuola per  ottenere l’assegnazione della cattedra di diritto che si libererà il prossimo anno.

Non è possibile infatti chiedere trasferimento nella scuola di titolarità se tale movimento riguarda la stessa tipologia di posto

Cattedre di diritto e di potenziamento fanno parte dello stesso organico e la loro assegnazione è competenza del dirigente scolastico sentito il Collegio dei Docenti  e in base ai criteri stabiliti in sede di contrattazione di istituto con la RSU.

ads ads