Cattedre Orario Esterne: per la loro costituzione non è possibile utilizzare spezzone orario “liberato” da part-time

Massimiliano – Sono un insegnante di ruolo della scuola secondaria di primo grado che vorrebbe chiedere un trasferimento. Mi sto informando nelle scuole che ho selezionato per il trasferimento se ci sono posti che si libereranno. L’unica possibilità che ho individuato è una docente che ha chiesto il part-time.
Volevo sapere se lo spezzone residuo di 9 ore che lascia la docente  può essere utilizzato per la formazione di una cattedra oraria esterna a cui possa avere accesso con la domanda di mobilità. Grazie

Giovanna Onnis – Gentilissimo Massimiliano,

la risposta al tuo quesito è negativa.

Il trasferimento, infatti, viene disposto sui posti vacanti e disponibili nell’organico dell’autonomia delle diverse istituzioni scolastiche, quindi su cattedre non occupate da docenti titolari nella scuola o titolari su ambito in servizio nella scuola con incarico triennale.

La stessa costituzione delle Cattedre Orario Esterne deve tener conto esclusivamente degli spezzoni orari vacanti e disponibili che consentono, mediante accorpamento, la costituzione di cattedra completa.

Nel caso da te indicato, però, lo spezzone  orario che si libera in seguito a part-time del docente titolare, risulta disponibile, ma non vacante, in quanto esiste un docente titolare, per cui si tratta di disponibilità in organico di fatto che non può essere utilizzata per costituzione di COE da assegnare in trasferimento, ma potrà essere assegnata solo in mobilità annuale o supplenza