Graduatoria interna di istituto: coinvolgerà sia i docenti titolari che i docenti con incarico triennale

Maria  Concetta – Sono insegnante di sostegno a tempo indeterminato in una scuola secondaria di primo grado. Nella mia scuola l’organico di sostegno comprende cinque insegnanti titolari, dei quali io sono l’ultima in graduatoria, e un docente di potenziamento immesso in ruolo lo scorso settembre 2016. Con la riduzione del numero di alunni disabili quest’anno prevediamo una riduzione anche nell’organico e la segreteria mi ha lasciato intendere che dovrei essere io la soprannumeraria e non la docente di potenziamento arrivata per ultima perché lei ha l’obbligo di rimanere nell’istituto di assegnazione per tre anni. Secondo me dovrebbe valere la graduatoria d’istituto e  la soprannumerarietà dovrebbe riguardare la collega di potenziamento. Chi ha ragione? Grazie in anticipo per la risposta.

Giovanna Onnis – Gentilissima Maria Concetta,

la segreteria della tua scuola ha torto.

La graduatoria interna di istituto deve essere predisposta per ogni classe di concorso e per posto di sostegno inserendo tutti i docenti titolari nella scuola e anche coloro che hanno incarico triennale.

Non è corretto, quindi, sostenere che i docenti  con titolarità nell’ambito territoriale che hanno ricevuto incarico triennale nella scuola non possono essere dichiarati soprannumerari in quanto il contratto triennale li tutela e devono poter completare il triennio.

Anche loro, infatti, saranno inseriti nella graduatoria e come “ultimi arrivati”, per quest’anno, saranno posizionati in coda a prescindere dal punteggio, quindi in caso di contrazione nell’organico saranno i primi a rischiare l’esubero

Posted on by nella categoria Graduatorie interne di istituto (docenti di ruolo)
Versione stampabile
ads ads