Rientro dopo il 30 aprile: i giorni di sospensione delle lezioni non interrompono il conteggio dei 150/90 gg di assenza del titolare

Scuola – Buongiorno, vorrei chiedere consulenza per la proroga contratto docente supplente al termine delle lezioni (08.06.2017) in relazione all’art. 37 del vigente CCNL: una docente di ruolo, con classi non terminali, è stata assente per maternità da settembre 2016 al 01 maggio 2017 ed è ritornata a scuola il 02 maggio 2017. Sia per le vacanze di Natale e sia per quelle di Pasqua ha preso servizio durante il periodo di sospensione lezioni. La proroga al supplente, in servizio da settembre, durante gli scrutini di giugno deve essere continuativa o solo per i giorni programmati? Come bisogna calcolare i 150 giorni di assenza? Grazie dalla segreteria.

Paolo Pizzo – Gentile scuola,

Il rientro del titolare dopo il 30 aprile è disciplinato dall’art. 37 del CCNL/2007. Il suddetto articolo prevede che “Al fine di garantire la continuità didattica, il personale docente che sia stato assente, con diritto alla conservazione del posto, per un periodo non inferiore a centocinquanta giorni continuativi nell’anno scolastico, ivi compresi i periodi di sospensione dell’attività didattica, e rientri in servizio dopo il 30 aprile, è impiegato nella scuola sede di servizio in supplenze o nello svolgimento di interventi didattici ed educativi integrativi e di altri compiti connessi con il funzionamento della scuola medesima. Per le medesime ragioni di continuità didattica il supplente del titolare che rientra dopo il 30 aprile è mantenuto in servizio per gli scrutini e le valutazioni finali. Il predetto periodo di centocinquanta giorni è ridotto a novanta nel caso di docenti delle classi terminali.”

“….per un periodo non inferiore a centocinquanta giorni continuativi nell’anno scolastico, ivi compresi i periodi di sospensione dell’attività didattica….”.

Pertanto, ai sensi dell’art. citato che è stato appositamente integrato rispetto al precedente CCNL del ’95 e riconfermato in quello attuale (ora art. 37), i periodi di sospensione delle attività didattiche sono da ricomprendere nei 150/90 gg. di assenza, ed un eventuale rientro formale del docente durante tali periodi non interrompe la continuità didattica.

Al docente spetta dunque un contratto senza soluzione di continuità fino al termine dell’ultimo scrutinio.

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads