Mobilità e precedenza per assistenza al disabile. Ordine delle preferenze

Francesca – Trasferimento provinciale con preferenze esclusivamente su scuola (max. 5). Mia cugina ha normalmente inoltrato su IOL, entro la scadenza, regolare domanda. Le è rimasto un dubbio. Per garantire che la precedenza x l’assistenza x genitore disabile (legge 104/92) venga tenuta in considerazione per tutte e 5 le scuole richieste nella stessa provincia, è corretto il seguente ordine di preferenze (che è stato inserito nella domanda online)? – Preferenza 1)  unica istituzione scolastica del comune viciniore rispetto al comune di assistenza del genitore (parlo di comune viciniore x’ non esiste nessuna istituzione scolastica nell’esatto comune dell’assistito)  – Preferenza 2)  1 istituzione scolastica in comune diverso rispetto al comune viciniore (stessa provincia)  – Preferenza 3)  1 istituzione scolastica in 1 altro comune (diverso dal precedente e da quello viciniore) ma sempre nella stessa provincia  – Preferenza 4)  1 istituzione scolastica ancora in 1 altro comune [diverso dalle preferenze 1), 2), 3)] ma sempre nella stessa provincia. L’ordine è corretto x garantirsi il diritto della suddetta precedenza?  In tal caso la precedenza è valida SOLTANTO per la preferenza 1) (cioè x il comune viciniore rispetto al comune di assistenza) o ANCHE per le altre preferenze (1 – 2 – 3) in quanto si resta pur sempre all’interno della provincia in cui è ubicato il comune di assistenza?  Grazie x tutte le Vostre indicazioni!

Paolo Pizzo – Gentilissima Francesca,

è corretto, e la precedenza vale per tutte le preferenze espresse.

Infatti, per questo anno non stata prevista per la mobilità provinciale la fase comunale con la possibilità di esprimere il codice comune, pertanto, nelle precedenze, l’obbligo era quello di esprimere come prima preferenza una o più scuole comprese nel comune di assistenza oppure l’ambito che ricomprendeva tale comune. In assenza di sedi esprimibili (cosa molto comune nella scuola di II grado), bisognava esprimere la una scuola del comune viciniore in cui vi erano sedi esprimibili.

ads