Assegnazione provvisoria: posso chiedere ricongiungimento ad un fratello con il quale convivo?

Grazia – Tra i requisiti previsti, si fa riferimento al ricongiungimento ai conviventi. Può un fratello, con cui condivido stessa residenza e che figura da quando sono nata nel mio stesso stato di famiglia, essere considerato “convivente”? Il termine “convivente” è molto generico: potrebbe includere anche fratelli e sorelle appartenenti a medesimo stato di famiglia, con tanto di certificazione anagrafica correttamente fornita? Grazie anticipatamente

Giovanna Onnis – Gentilissima Grazia,

i familiari ai quali è possibile chiedere ricongiungimento nella domanda di assegnazione provvisoria, indicati nell’art.7 comma 1 del CCNI, sono i seguenti:

a) figli

b) coniuge o convivente (con stabilità anagrafica della convivenza da almeno tre mesi)

c) genitore convivente per docente senza coniuge e figli

Non è previsto, quindi,  il ricongiungimento ad altri familiari come i fratelli.

Il convivente indicato rappresenta il compagno di vita con il quale non si è contratto matrimonio che, per questo motivo, non può essere definito coniuge

Posted on by nella categoria Assegnazioni/Utilizzazioni
Versione stampabile
ads