Assegnazione provvisoria dopo passaggio di ruolo: si può chiedere solo nel nuovo grado di titolarità

Stefano – Sono un docente di sostegno,  ho ottenuto il trasferimento sempre su sostegno alle superiori, adesso vorrei chiedere assegnazione.  Unico dubbio,  devo inserire scuole medie di I grado o di II dal momento che non ho superato l’anno di prova per le superiori? Grazie cordiali saluti

Utilizzazione su sostegno per docente titolare su materia: non si perde il punteggio di continuità

Marisa – Sono una docente titolare da 2 anni su una cattedra diventata quest’anno COE.
Poiché il completamento con ore presso un altro Istituto risulta disagevole per la distanza, potrei chiedere l’utilizzazione sul sostegno conservando il punteggio della continuità?
In attesa di ricevere la sua preziosa risposta , porgo cordiali saluti.

Assegnazione provvisoria: nella domanda è possibile esprimere solo una preferenza

Francesca – Gentilissimo staff di OS, vorrei porre un quesito in vista delle vicinissime AP per la secondaria: sono titolare su sostegno alle medie, non ho avuto il passaggio di ruolo alle superiori che avevo richiesto, dopo aver avuto AP in un istituto professionale per l’anno in corso.
Vorrei sapere, considerando che la mia domanda prioritaria sarà (purtroppo) quella alle medie, se in essa posso indicare solo una delle due scuole presenti nel mio comune, senza poi esprimere la preferenza analitica del comune stesso, in modo da avere maggiori possibilità per il secondo grado. Ringraziando anticipatamente per la cortese risposta, cari saluti e complimenti per il lavoro svolto.

Trasferimento con titolarità su ambito: il docente può ricevere incarico triennale su una scuola con disponibilità su una COE

Claudio – Sono un docente di ruolo che ha partecipato alla domanda di mobilità (a.s. 2017/2018) e sono stato trasferito su uno degli ambiti richiesti (ambito che chiamerò X diverso dall’ambito di partenza Y – siti in province diverse quindi trattasi di trasferimento interprovinciale). Nella domanda non  avevo barrato la casella relativa alle COE in quanto la mia aspirazione era quella di ottenere una COI. Pensavo che la suddetta preferenza fosse valida sia per le scelte analitiche (singole scuole) che per gli ambiti, invece, probabilmente mi sbagliavo.

Trasferimento interprovinciale: la sede ottenuta è definitiva anche per docente con incarico triennale

Rosa – Ho appena ricevuto comunicazione da parte del MIUR di aver ottenuto il trasferimento interprovinciale per il 2017/18 a seguito delle operazioni di  mobilità per la scuola secondaria di II grado. Il mio quesito, riguardo al quale ho trovato informazioni contrastanti, riguarda l’a.s. seguente (2018/19):  dovrò tornare nella scuola iniziale di immissione, dove ho firmato il contratto triennale nell’a.s. 2016/17? Grazie anticipatamente per la risposta. Cordiali saluti

Utilizzazione sul sostegno: è possibile anche per il docente trasferito da sostegno a materia per il prossimo anno scolastico

Giulio –  Ho appena saputo di aver ottenuto il trasferimento provinciale su materia scuola secondaria da sostegno scuola secondaria nella mia provincia ma molto lontano da dove abito. Posso chiedere già fra pochi giorni utilizzazione per il 2017-2018 su sostegno secondaria nella scuola dove sono titolare ancora oggi? Se si, devo comunque fare presa di servizio nella scuola in cui sono stato trasferito su posto normale il 1 settembre? Grazie in anticipo della risposta

Passaggio di cattedra per docente titolare su ambito: può ottenere il movimento nella stessa scuola in cui è in servizio con incarico triennale

Valerio – Desidererei sapere se il trasferimento provinciale da ambito allo stesso ambito accordato dall’USP con passaggio di cattedra (su scuola dello stesso ambito e dello stesso comune) sia legittimo per docenti immessi in ruolo con incarico triennale nel 2016. Qualora non lo fosse potrei presentare ricorso? Io non ho inoltrato domanda perché tali preferenze non erano richiedibili per norma. Cordialità.

Graduatoria interna di istituto: chiarimenti sul calcolo del punteggio spettante

Alberto – Sono un docente di lettere della scuola media. Ho molti dubbi sul punteggio attribuitomi ( 45 punti ) nella graduatoria interna e in modo particolare sul punteggio relativo alla “continuità”, che praticamente mi è stato negato! Le chiarisco un po’ la mia situazione.
Ho 5 anni di pre-ruolo. Sono passato di ruolo nel 2012-2013. Dunque gli anni di ruolo , escluso quello corrente, sono tre: 2013-14; 2014-15; 2015-16.
Ora veniamo al discorso sulla “continuità”. Il 19/03/2015, dunque secondo anno di ruolo, ho prodotto “telematicamente” domanda di trasferimento. Ma il giorno dopo, sempre “telematicamente”, l’ho annullata! Dunque in questo caso ho perduto la “continuità”? Secondo la mia scuola sì! Ma ho letto nei vari blog e per ultimo sul vostro sito che la continuità si perde solo nel caso di trasferimento “reale” ed effettivo!
Inoltre nell’archivio personale di “Istanze on line” del ministero la domanda di trasferimento, di cui sopra, non esiste! Esiste solo la domanda di trasferimento relativa all’anno di prova: 2013-14! Poiché di questi amletici bizantinismi euclidei non me ne intendo, secondo lei quanti punti dovrei avere? Grazie

Trasferimento da posto comune a sostegno: per il docente che ottiene il movimento inizia il vincolo quinquennale sul sostegno

E.G. –  Sono una docente immessa in ruolo nel 2016. Ho superato l’anno di prova e presentato domanda di mobilità per evitare un viaggio di diverse ore per recarmi a lavoro. Fortunatamente é stata accolta ma sul sostegno: per errore, infatti, il sindacalista ha spuntato anche la casella del sostegno tra le preferenze, essendo io in possesso della specializzazione su quest’ultima. La prima scelta, dunque, risulta il posto comune infanzia e la seconda il sostegno. Solo la quarta scuola nell’elenco delle 5 indicate è risultata disponibile e sul sostegno. Il mio dubbio é questo: essendo stata chiamata sulla “seconda scelta” ed essendo io titolare su posto comune, sono comunque vincolata ai 5 anni ora? O per il prossimo anno posso sperare nel trasferimento o in una chiamata diretta su posto comune? Grazie per la cortese attenzione.

Mobilità annuale: il docente in possesso dei requisiti potrà presentare sia domanda di utilizzazione che di assegnazione provvisoria

Maria – Sono un’insegnante di scuola dell’infanzia titolare su posto comune e in possesso del titolo di specializzazione su sostegno, in servizio presso una provincia diversa da quella presso cui risiedo.  Oltre all’assegnazione provvisoria interprovinciale (per ricongiungimento al coniuge e perché lavoratrice madre) posso chiedere l’utilizzazione provinciale su sostegno? Se si quale movimento ha la precedenza? Grazie

Graduatorie III FASCIA ATA: ECDL, servizio militare, corso antincendio e porto d’armi

Alessandra – Buon giorno, mi chiamo Alessandra e sono iscritta al Personale Ata III fascia in qualità di Collaboratore Scolastico, Assistente Tecnico e Assistente Amministrativo avendo scelto 20 scuole a Padova ma nel 2016 mi sono trasferita a Venezia per lavoro. Vorrei sapere quando escono le domande per il nuovo triennio e se posso scegliere 20 scuole su Venezia ? Vorrei sapere se la patente normale Ecdl ,il servizio militare ,il porto di armi ,il corso antincendio e il voto di 75/100 diploma di ragioniera programmatrice valgono come punteggio essendo una guardia giurata armata? Un cordiale saluto 

Graduatorie III fascia ATA: le certificazioni informatiche e il diploma di laurea

Luigi – Alla Spett.le Redazione Orizzonte Scuola Oggetto: Valutazione certificazioni informatiche e digitali personale ATA III fascia.

-Premesso che vengono assegnati dei punteggi per l’ECDL, nuova ECDL, microsoft, eucip, eipass, ic3, mous, cisco, pekit come da tab.valutazione dei titoli, allegato A/1, A/2 e A/5 delle domande dell’ultimo triennio e non vengono menzionati certificazioni informatiche e digitali come lauree triennali in informatica e ingegneria informatica e dei relativi diplomi supplement europass dove sono certificati, tutte le materie studiate, i crediti e i voti;

-Considerato che la laurea triennale non viene valutata nel profilo professionale di collaboratore scolastico;

Il sottoscritto Barone Luigi, chiede cortesemente le seguenti risposte per quanto riguarda la valutazione delle certificazioni informatiche e digitali:

1) Per ass.te amministrativo, diploma di laurea SI, certificazioni informatiche?;

2) Per ass.te tecnico, diploma di laurea SI, certificazioni informatiche?

3) Per coll. scolastico, diploma di laurea NO, certificazioni informatiche?

In attesa di riscontro, si porgono Distinti Saluti.

di Giovanni Calandrino – Gentile Luigi, le certificazioni informatiche sono valutate, se in possesso, in aggiunta al diploma di laurea. Per la valutazione della laurea le ricordo che, si valuta un SOLO titolo indifferentemente dal tipo di Laurea (si valutano: Lauree quadriennali, lauree di 1° e 2° livello; sono altresì valutabili i diplomi di 1° e 2° livello conseguiti presso i conservatori di musica e le accademie di belle arti, purché congiunti a diploma quinquennale di istruzione secondaria di secondo grado. Analogamente anche l’ISEF è valutabile come laurea di 1° livello).

Luigi – 1) Per ass.te amministrativo, diploma di laurea SI, certificazioni informatiche?

Giovanni Calandrino – diploma di laurea SI, certificazioni informatiche SI

Luigi – 2) Per ass.te tecnico, diploma di laurea SI, certificazioni informatiche?

Giovanni Calandrino – diploma di laurea SI, certificazioni informatiche SI

Luigi – 3) Per coll. scolastico, diploma di laurea NO, certificazioni informatiche?

Giovanni Calandrino – diploma di laurea NO, certificazioni informatiche SI

Mentre per la valutazione delle certificazioni informatiche le consiglio la lettura di

Graduatorie III fascia ATA: quanto punti valgono le certificazioni informatiche

http://www.orizzontescuola.it/graduatorie-iii-fascia-ata-quanto-punti-valgono-le-certificazioni-informatiche/

Assegnazione provvisoria: può essere solo a domanda e non d’ufficio

Silvia – Sono una docente di sostegno scuola superiore attualmente con sede in Milano per incarico triennale. Volevo fare la domanda di assegnazione provvisoria per rientrare a Napoli . Oltre a scegliere le preferenze analitiche delle 15 scuole, dal modello di domanda leggo che si può,  in caso di non soddisfacibilità delle preferenze espresse, chiedere che lo scorrimento della catena di viciniorità inizi dal comune/ distretto . Sulla base di questa ultima dicitura. Vorrei dei chiarimenti . Questo sta a significare, nel mio caso, che se indico il comune di Napoli posso essere assegnata a tutte le scuole del comune di Napoli o anche a tutte le scuole della provincia ? Quale poi sarebbe lo scorrimento? Ringrazio se vorrete darmi gli opportuni chiarimenti

Utilizzazione e punteggio di servizio: si valuta anche l’anno in corso

Graziella – Sono un’insegnante di scuola Primaria su posto comune che, in possesso del titolo di specializzazione,  intende chiedere utilizzazione su sostegno. La mia anzianità di servizio è data da due anni di pre-ruolo su sostegno con titolo e da 10 anni di ruolo, compreso il 2016/2017, di cui 9 su sostegno e 1 su posto comune. La mia domanda è relativa all’inserimento degli allegati, in particolare  quello D che nel punto 1, dove si parla di anzianità di servizio,  il modello prestampato riporta la seguente dicitura:

Immissioni in ruolo: chi viene assunto sarà depennato da GaE per tutte le classi di concorso

Gessica – insegnante della scuola primaria (inserita con riserva nelle gae e vincitrice di concorso su posto comune); vi scrivo per chiedere se, qualora dovessi accettare quest’anno (a s. 2017/2018)l’assunzione sul sostegno dalle graduatorie ad esaurimento, ho comunque nell’anno successivo (2018/2019) la possibilità di accettare la chiamata dalle graduatorie di merito. Difatti, non mi è chiaro se l’assunzione dalle gae comporta il depennamento dalle GM del concorso 2016. Grazie della cortese attenzione Distinti saluti