Assegnazione provvisoria e ricongiungimento al coniuge: quale deve essere la decorrenza temporale della sua residenza nel comune?

C.M. – Salve redazione, ho un dubbio in merito ai requisiti temporali sulla residenza di ricongiungimento. In pratica mio marito ha cambiato residenza il 24 Aprile 2017. Tale data risulta utile per essere utilizzata nella domanda? Oppure in questo caso va indicata la precedente residenza? Grazie e buona giornata a tutti voi.

Giovanna Onnis – Gentilissima C.M.,

in base a quanto prevede il CCNI , nella Tabella di valutazione per le assegnazioni provvisorie (allegato 3), la residenza del coniuge deve decorrere nel comune da almeno tre mesi rispetto alla data di presentazione della domanda.

Considerando le date previste per la presentazione delle domande di mibilità annuale per i diversi ordini e gradi di istruzione, se il tuo movimento riguarda la scuola dell’Infanzia o la scuola Primaria, non puoi chiedere assegnazione provvisoria per il nuovo comune di residenza di tuo marito perché tale residenza decorre da meno di tre mesi rispetto alla data di presentazione della domanda prevista nei termini  dal 10 al 20 luglio

Se la tua richiesta di assegnazione provvisoria riguarda, invece, la scuola secondari di I o di II grado, puoi presentare domanda  che è prevista nei termini dal 24 luglio al 2 agosto, quindi la residenza di tuo marito risulta esattamente antecedente di 3 mesi rispetto alla data indicata

Posted on by nella categoria Assegnazioni/Utilizzazioni
Versione stampabile
ads ads