Chi può candidarsi come tutor dei neoimmessi in ruolo, vale come formazione obbligatoria

Spett. Redazione Orizzonte Scuola sono docente scuola secondaria di secondo grado, nel luglio 2017 ho avuto la conferma in ruolo, mi chiedevo se per il prossimo anno scolastico potevo dare disponibilità per il ruolo di Tutor per i prossimi immessi in ruolo. in attesa di risposta vi ringrazio anticipatamente

risposta – Con la pubblicazione del decreto n.33989 il Miur ha introdotto dall’a.s. 2017/18 una novità: al fine di riconoscere l’impegno del Tutor durante l’anno di prova e di formazione, le attività svolte (progettazione, osservazione, documentazione) potranno essere attestate e riconosciute dal Dirigente Scolastico come iniziative di formazione previste dall’art.1 comma 124 della L.107/2015.

Negli ultimi tre anni i tutor sono stati oltre 80.000, colleghi docenti già in servizio, che hanno accompagnato l’ingresso dei neoassunti nella scuola durante l’anno di prova e formazione.

Come si individua il tutor.

Il decreto afferma ” la sua individuazione spetta al Dirigente Scolastico, sentito il parere del Collegio dei docenti”

Pertanto il Collegio docenti esprime il proprio parere (possono valere a tale fine anche le autocandidature), il Dirigente Scolastico individuerà la figura. Non ci sono limitazioni nella autocandidatura, se non espressamente individuate dal Collegio.

Data l’importanza del ruolo, apposite attività di formazione per i docenti tutor saranno organizzate dagli USR utilizzando quota-parte dei finanziamenti destinati ad attività regionali. Le attività, che potranno avvalersi della collaborazione di strutture universitarie o enti accreditati, metteranno al

centro la conoscenza di strumenti operativi e di metodologie di supervisione professionale (criteri di osservazione in classe, peer review, documentazione didattica, counceling professionale, ecc.).

I Dirigenti Scolastici procederanno all’individuazione tempestiva dei tutor per i docenti in anno di formazione, prospettando loro gli impegni previsti (per cui si rimanda a quanto previsto nel DM 850/2015), tenendo conto degli impegni formativi complessivi per il personale.

Neoimmessi in ruolo. Il Decreto sull’anno di prova 2017/18, novità: sviluppo sostenibile e visite in altre scuole

Posted on by nella categoria Anno di prova neo immessi in ruolo
Versione stampabile
ads ads