Il docente di ruolo che accetta una supplenza ai sensi dell’art. 36 non può svolgere l’anno di prova

Silvia – Buongiorno . Sono una giovane neo immessa in ruolo ad agosto 2017 dalla graduatoria di merito del Concorso docenti 2016, nella scuola secondaria di secondo grado. Vorrei chiederti dei chiarimenti sull’eventualità di usufruire dell’art.36 del CCNL per eventuali supplenze fino al 30/06 o 31/08 dalle graduatorie di Istituto della terza fascia (in cui sono iscritta per tre classi di concorso)  o  dalle GI di seconda fascia (per la classe di concorso in cui sono in ruolo). La domanda che vorrei porti è la seguente: usufruendo (se ne avrò l’opportunità) dell’art.36 CCNL, potrò svolgere l’anno di prova nella sede della suppenza? esistono dei vincoli sulla classe di concorso o sul grado di Istruzione (secondaria di primo grado o di secondo grado) ai fini della validità dell’anno di prova? Specifico che nelle GI di terza fascia sono iscritta sia in una classe di concorso della scuola secondaria di secondo grado che in altre due classi di concorso della scuola secondaria di primo grado. Pertanto non escludo di poter ricevere delle proposte differenti, che vaglierei proprio in funzione della compatibilità con l’anno di prova. Ti ringrazio per l’attenzione. Saluti.

Paolo Pizzo – gentilissima Silvia,

non è possibile svolgere l’anno di prova per il docente che opta per l’art 36 del CCNL/2007.

Il docente di ruolo che accetta una supplenza ai sensi dell’art 36 viene considerato per quell’anno scolastico come un fuori ruolo e il suo status è quello di supplente.

Così infatti recita il comma 2:

“L’accettazione dell’incarico comporta l’applicazione della relativa disciplina prevista dal presente CCNL per il personale assunto a tempo determinato, fatti salvi i diritti sindacali.”

Pertanto, dal momento che lo status è quello di supplente temporaneo (malattia, permessi, stipendio base ecc.), non è possibile svolgere l’anno di prova il quale si dovrà necessariamente rimandare all’anno successivo o comunque al rientro in servizio nel posto di insegnamento o nella classe di concorso di titolarità.

Diversa fattispecie è invece prevista per il personale che è nominato in ruolo in corso d’anno e differisce la presa di servizio all’anno successivo svolgendo nel frattempo una supplenza.

In questo caso, infatti, è solo un differimento del servizio in ruolo ma di fatto il docente è già in ruolo a tempo indeterminato dal 1 settembre dell’anno in corso, pertanto potrà svolgere l’anno di prova purché svolga un servizio di almeno 180 gg.

Posted on by nella categoria Supplenze, Anno di prova neo immessi in ruolo
Versione stampabile
ads ads