Ore di allattamento e distribuzione dell’oraio

Simona –  Salve, sono una insegnante della scuola secondaria superiore e ho una cattedra suddivisa su due scuole, 15 ore + 4 h sulla classe di concorso a018 ex a036. Ho chiesto alla mia scuola di titolarità l’allattamento per un numero di 4 h sulla scuola di completamento per evitare sovraccarichi di orari e impegni pomeridiani per meglio tutelare i bisogni del mio bambino e per non frantumato le ore di insegnamento. Ho diritto a questa riduzione oraria,  4h e non 5h, visti che la legge parla fino ad un massimo di 5 h? Grazie.

Paolo Pizzo – Gentilissima Simona,

il D. Lgs. n. 151/2001 fa riferimento esclusivamente all’orario giornaliero del lavoratore e non a quello settimanale. Il permesso è dunque subordinato esclusivamente all’orario di lavoro giornaliero e le ore di riposo devono essere così ripartite:

  • Se la giornata di lavoro è pari o superiore a 6 ore il riposo sarà di 2 ore (anche cumulabili);
  • Se la giornata di lavoro è inferiore a 6 ore il riposo è di 1 ora.

Al personale docente spetta di norma una sola ora al giorno perché l’orario giornaliero è di solito inferiore le 6 ore.

Nel caso però il docente, pur prestando servizio per meno di 6 ore al giorno, di fatto in alcuni giorni presti servizio per 6 ore o più (es. consigli di classe, collegio docenti o altra attività inerente le attività funzionali all’insegnamento che si “cumula” all’orario di lavoro per quella determinata giornata, es. 4 ore di lezione al mattino e 2 ore di collegio docenti), per tale giorno avrà diritto a 2 ore di riposo (il suo orario “giornaliero” supererà in quel giorno le 5 ore e 59 minuti).

Detto ciò, nulla toglie a te al Dirigente di raggiungere un accordo sul numero dei riposi e sulla collocazione giornaliera, salvar dando il tuo diritto e quello della didattica, anche perché è un decreto esclusivamente interno perché non cambia la tua retribuzione.

Posted on by nella categoria Maternità e Paternità
Versione stampabile
ads ads