Punteggio di continuità maturato nella scuola di titolarità: si perde in seguito a movimento volontario

Angelo – Gentile Redazione, io sono un docente di ruolo nella provincia di Potenza, che da qualche anno sta tentando il trasferimento in provincia di Salerno. Quest’anno un collega che lavorava a Milano, che  fino all’anno scorso (2016/2017) aveva una continuità di servizio pari a 9 anni, si è trasferito a Potenza ed ha ugualmente  intenzione di trasferirsi in provincia di Salerno. Il mio dubbio è il seguente:  il mio collega, che ha già sfruttato il punteggio di continuità nel trasferimento che lo ha portato a Potenza, potrà comunque utilizzarla anche nella domanda 2017/2018, visto che non si dovrà tenere conto dell’anno in corso?
Ringraziando anticipatamente per la cortese risposta porgo cordiali saluti.


Giovanna Onnis – Gentilissimo Angelo,

il trasferimento ottenuto dal tuo collega per il corrente anno scolastico 2017/18 ha determinato la perdita definitiva di tutto il punteggio di continuità maturato in 9 anni di servizio nella scuola di precedente titolarità.

Se dovesse presentare domanda di trasferimento anche per il prossimo anno scolastico 2018/19, quindi, il punteggio in questione non potrà più essere preso in considerazione in quanto non più spettante in seguito al movimento ottenuto

Posted on by nella categoria Varie
Versione stampabile
ads ads