Graduatoria interna di istituto: nessuna differenza tra i docenti titolari nella scuola in seguito a movimenti diversi

Anna – Il docente che ottiene il passaggio di cattedra in un altro istituto, nella graduatoria interna viene comunque dopo chi  ha ottenuto il semplice  trasferimento? Anche se ha un punteggio maggiore? Quindi ha  buone possibilità di essere dichiarato soprannumerario? Grazie in anticipo.

Giovanna Onnis – Gentilissima Anna,

il docente che arriva nella scuola in seguito a passaggio di cattedra si trova nella stessa condizione del docente arrivato in seguito a trasferimento, senza alcuna differenza ai fini dell’inserimento nella graduatoria interna di istituto.

Ambedue i docenti, infatti, risultano titolari nella scuola e saranno collocati in graduatoria con le stesse regole e condizioni, a prescindere dalla tipologia di movimento che li ha interessati

Quindi saranno collocati in coda il primo anno e a pettine in base al punteggio negli anni successivi.

La posizione di soprannumero potrà essere individuata, quindi, in assenza di precedenze che determinano diritto all’esclusione dalla graduatoria interna,  esclusivamente in base al punteggio e alla posizione occupata in graduatoria e non sicuramente, come erroneamente ipotizzi,  in base al tipo di movimento avuto con penalizzazione del docente che ha ottenuto il passaggio rispetto a colui che ha ottenuto il trasferimento

Posted on by nella categoria Mobilità, Graduatorie interne di istituto (docenti di ruolo)
Versione stampabile
ads ads