Il periodo di prova e di formazione si effettua una sola volta per ogni ordine di scuola

Ass. Amm.vo  -Salve, chiedo ancora una volta la vostra preziosa consulenza in merito alla seguente situazione: – docente passa di ruolo il 01/09/2014 nella scuola media per la lingua spagnolo ed assume servizio, nel mese di ottobre 2014 la stessa docente riceve proposta di ruolo per la scuola superiore, accetta la proposta e firma il relativo contratto ma resta in servizio nella scuola media dove supera l’anno di prova (per la scuola media). Nella scuola superiore prende servizio il 01/09/2015 ma  non effettua nessun anno di prova perchè le dicono che l’anno di prova superato nella scuola media vale anche per la scuola superiore. Il 01/09/2016 la docente assume servizio nella scuola media su sostegno per passaggio di ruolo. Si chiede: deve la docente effettuare il periodo di prova per il nuovo passaggio nella scuola media su sostegno o vale quello effettuato sempre nella scuola media nell’anno scolastico 14/15 sul posto comune (lingua spagnolo). Spero di essere stata chiara nell’esporre il quesito e porgo i più cordiali saluti.

Domanda ai fini della valutazione dei servizi di ruolo e non di ruolo svolti anteriormente all’immissione in ruolo

 

Sabrina –  immessa in ruolo nella scuola dell’infanzia l’1/9/2009, con due anni di preruolo nella scuola secondaria di I grado – posto sostegno. Dopo il superamento dell’anno di prova ho fatto richiesta per la ricostruzione di carriera che mi è stata riconosciuta. Ho prestato servizio nella scuola dell’infanzia per 5 anni (dal 1/9/2009 al 31/8/2014. Dal’1/9/2014 ho ottenuto il passaggio di ruolo nella scuola secondaria di I grado – posto sostegno. Vorrei sapere se in questo caso si debba ripresentare la domanda di ricostruzione carriera. So che con la nuova legge si deve presentare entro il 31 dic dell’anno in corso. Fiduciosa in una Sua risposta la ringrazio anticipatamente e le porgo cordiali saluti

Pensionamento d’ufficio per imiti di anzianità di servizio ovvero 42 anni e 10 mesi al 31/8/2017

Dino  -insegnante di scuola secondaria di II grado. La mia situazione è la seguente: Nato il 27/01/1953. Contributi riscattati e maturati al 31/08/2016 = 41 anni 11 mesi e 28 giorni (comprensivi di Servizio scolastico, militare e 8 anni di lavoro in azienda privata). Ritengo che al 31/08/2017 sarò in possesso dei requisiti per andare in pensione alla data del 01/09/2017. Volendo rimanere ancora un anno in servizio e avendo superato l’età di 65 anni, potrei essere messo in pensione d’ufficio? In tal caso il TFR mi verrebbe dato dopo 12 mesi (e non dopo 24)? In attesa di un riscontro, porgo cordiali saluti.

Le istanze da presentare per andare in pensione sono due

DOCENTE – maturando 42 anni e 2 mesi di servizio il 31 agosto 2017, chiederò di andare in pensione; qual è la procedura esatta? Il patronato a cui mi sono rivolta mi ha detto di aspettare l’uscita della circolare a dicembre, poi dare le dimissioni (a chi? tramite chi? ) e poi andare da loro per la domanda di pensionamento. Per cortesia istruitemi un po’ al riguardo. Grazie, una docente di scuola primaria.

La proroga di supplenza per il personale ATA. Chiarimenti per il DS

DIRIGENTE SCOLASTICO –  Con la presente si pone il seguente quesito: Personale ATA Collaboratore scolastico assente dal lun al venerdi per malattia, il lunedi successivo lo stesso è assente per motivi di famiglia, il supplente, al quale è stato pagato il sabato e la domenica, ha diritto alla proroga o bisogna scorrere le graduatorie di istituto?

Riposi per il padre e astensione obbligatoria della madre – supplenza breve graduatorie di terza fascia. Chiarimenti

Giuseppe – Salve,  sono un dipendente privato con due figli di 5 anni e 2 mesi (compiuti il 15 novembre). Per il piccolino sto usufruendo di 2 ore di allattamento in quanto mia moglie è disoccupata. Il 16 novembre mia moglie è stata contattata per una supplenza di due settimane (graduatorie d’istituto terza fascia) presso un Istituto di Scuola Secondaria di primo grado. Si è presentata presso la scuola per accettare l’incarico ed ha comunicato di essere in astensione obbligatoria presentando opportuno modulo di richiesta e certificato di nascita del bambino. Vorrei sapere se il contratto a tempo determinato stipulato scadrà a fine supplenza a fine novembre o l’indennità di maternità sarà automaticamente prorogata fino al compimento del terzo mese del bambino. Inoltre, ho letto sul sito INPS che l’allattamento del padre lavoratore non è compatibile con l’astensione obbligatoria della madre, è necessario fare qualche comunicazione particolare al mio datore di lavoro, all’INPS e/o alla scuola? Un sentito ringraziamento per la gentile collaborazione.

Completamento orario. Chiarimenti

Maria – Salve ,potrebbe chiarire un mio dubbio? Ho accettato una cattedra su sostegno 12 ore con chiamata Usp  da Gae, in una scuola primaria. Nella stessa scuola dovranno chiamare dalle GI per una supplenza per maternità, sempre su sostegno. È possibile che questa cattedra venga spezzata e così io possa completare il mio orario? A scuola dicono che non è possibile perché un incarico è su posto vacante e l’altro su una maternità. Grazie.

Supplenze: per le assenze brevi i docenti interni non hanno nessuna priorità

Mariarosaria – Buonasera, ho controllato nelle vostre faq ma non sono riuscita a trovare risposta al mio quesito. Ho una supplenza di 2 ore fino al 30 giugno 2017, nella stessa scuola e per la stessa classe di concorso, un docente di ruolo si è messo in malattia per un periodo di 30 giorni. Ho diritto io al completamento oppure il Dirigente Scolastico deve convocare nel caso, qualcuno prima di me si fosse liberato in questo frattempo? Grazie.

Aspettativa coniuge estero: vale anche se il lavoro non è statale

Luigi  – Buongiorno , sono un insegnante di ruolo di scuola media di 1° grado e mi sono sposato con la mia compagna – cittadina Americana – il 06 gennaio 2016 in Florida , USA . Ho fatto domanda al competente ufficio d’immigrazione Statunitense per ottenere la Green Card al fine di ricongiungermi a mia moglie in America ( sono in attesa di risposta ) e scrivo perché vorrei , gentilmente , sapere a quanto tempo , in totale, avrei , eventualmente,  diritto di assentarmi dal servizio in seguito ad aspettativa per ricongiungimento con coniuge all’estero , 1 anno ? 2 anni ? o cosa ..? L’unica cosa che mi sembra di aver capito è che il periodo di aspettativa non è retribuito e non è calcolato ai fini pensionistici , per il resto ho letto tante e diverse cose … Avrei , quindi bisogno di : – sapere  con esattezza il periodo di aspettativa che posso utilizzare – le leggi di riferimento da mostrare al mio Dirigente.  Tengo a precisare che mia moglie non è dipendente della pubblica amministrazione italiana . Lei  è cittadina USA che svolge un lavoro manageriale presso un’azienda informatica Statunitense della Florida . Rimango in attesa di una Vostra risposta .

Supplenze fino avente titolo e successivamente a titolo definitivo. Chiarimenti per il Dirigente

Dirigente scolastico  – Gent. dott. Pizzo, Invio una richiesta di delucidazioni sul seguente caso: Sono state assegnate ad ottobre due supplenze fino avente diritto per Lingue in Istituto superiore. Le docenti supplenti hanno subito richiesto congedo per maternità. Su questi due posti sono state convocate altre supplenti , che hanno avuto contratto di supplenza breve fino a data di scadenza (dicembre). Ora abbiamo di nuovo convocato perché dopo la chiusura delle GAE possiamo assegnare i posti fino al 30 giugno 2017. Il mio dubbio riguarda proprio questi due posti: dobbiamo considerarli supplenza breve e quindi non da riconvocare? Almeno fino alla data di scadenza del contratto a dicembre? Oppure, visto che le supplenti in congedo per maternità erano comunque fino all’avente diritto, dobbiamo riconvocare? In questa seconda ipotesi, supponiamo che la supplente in congedo per maternità perda la supplenza perché scalzata da una docente che è prima di lei in graduatoria, cosa succede al suo congedo per maternità? Se lo porta dietro nella nuova scuola? Ancora: la supplente che aveva accettato la supplenza breve fino a dicembre, può avere una modifica del contratto da supplenza breve per congedo maternità ad un altro fino avente diritto, in attesa di nuova convocazione, nel caso in cui la docente supplente con congedo per maternità scelga lei stessa una nuova scuola? Grazie per l’attenzione.

Nomine fine avente diritto sostegno: è necessario effettuare nuove convocazioni

Scuola – Buonasera, Sono un assistente amministrativo di un istituto comprensivo della provincia di Arezzo e vorrei sapere se èn ancora vigente la nota MIUR, di seguito descritta, n. 8879 del 23/11/2012 “Si fa riferimento ai quesiti ricevuti circa il mantenimento o meno, su posto di sostegno, del supplente privo di specializzazione nominato “in attesa dell’avente titolo”, nei casi in cui la carenza di aspiranti forniti di titolo di specializzazione permanga, sia nella scuola che in tutte le altre istituzioni scolastiche della provincia,anchedopo la pubblicazione degli elenchi definitivi di sostegno di seconda e terza fascia. Al riguardo,si confermano le disposizioni precedentemente impartite con le note 9379 del 15 novembre 2011 e 20893 del 31 ottobre 2007, secondo cui, in carenza assoluta di aspiranti specializzati,i dirigenti scolastici,in considerazione della particolare tutela della continuità didattica in favore degli alunni disabili, provvederanno alla conferma definitiva sui predetti posti di sostegno del docente privo di titolo già in servizio sui posti in questione con contratto in attesa dell’avente titolo. In attesa di chiarimenti ringrazio.

Supplenze ATA: quando è possibile lasciare una supplenza breve

Scuola – Si chiede se una collaboratrice scolastica con supplenza breve fino al 16 novembre per 30 ore settimanali puo’ lasciare tale supplenza per accettarne un’altra sempre in qualità di collaboratrice scolastica ma con scadenza 08 giugno 2017 di 36 ore settimanali…il regolamento del 13 dicembre 2000 dice che si può lasciare una supplenza temporanea solo per accettarne una con scadenza termine attività didattiche ossia il 30 giugno 2017…ci sono delle novità in merito? Grazie.

Spezzoni pari o inferiori le 6 ore scuola Primaria: si assegnano al 30/6 scorrendo la GI

Scuola – Buonasera dovendo conferire una supplenza su uno spezzone orario residuo di ore 3 posto lingua inglese scuola primaria, si chiede se tale incarico debba essere conferito al 30/06 oppure al termine delle lezioni. Trattasi di posto restituito dal ATP che non concorre a formare cattedra la cui competenza è stata rimandata ai Dirigenti scolastici. Ringraziando per la consulenza sempre attenta e puntuale porgo cordiali saluti.

Le supplenze si assegnano fino alle esigenze di servizio. Chiarimenti per la scuola

Scuola – avremmo bisogno di un chiarimento, abbiamo inviato diverse e mail per disponibilità supplenza 8/18 h di spagnolo fino al 31.12.2016 (data scadenza interdizione gravidanza) senza specificare che si tratta di supplenza su maternità. La supplenza spetta ad una docente che ha già dichiarato la non disponibilità ad accettare la proroga in quanto impegnata dal 1 Gennaio 2017 con altre attività. A questo punto dobbiamo fare un contratto fino al 31.12.2016 o fino al 23 Dicembre 2016? Grazie e cordiali saluti. La segreteria.

Continuità del supplente anche quando il titolare cambia tipologia di assenza

Laura – Salve, ho letto le vostre risposte ma vi chiedo un ulteriore chiarimento: sono attualmente in congedo parentale fino al 12 aprile 2017 e vorrei prolungare il periodo di assenza dalle classi fino al 30 aprile, in modo da rientrare a disposizione, intervallando il congedo con l’assenza per malattia (mia e dei bambini, capiterà sicuramente durante l’inverno). Quello che non so è quali conseguenze ha questa ipotesi sul contratto di chi mi sostituisce: non vorrei infatti far decadere ogni volta la supplenza… potete chiarirmi questo punto? Grazie per l’attenzione.

Supplenze da MAD e docente in interdizione per gravi complicanze

Dirigente scolastica – Avendo esaurito le graduatorie di istituto, abbiamo contattato una supplente non inserita nella graduatoria di istituto che ha dato la sua disponibilità telefonicamente. Il giorno in cui doveva assumere servizio ha comunicato l’impossibilità di presentarsi perché si trova in complicanze nella gestazione. La supplente ha diritto al contratto anche se è collocata fuori graduatoria? Grazie in anticipo per la risposta.

Pagamento delle vacanze e rientro dei periodi di sospensione delle lezione ai fini del conteggio dei 90/150 gg di assenza (art. 37 CCNL/2007)

DSGA  – Buongiorno, si chiede un chiarimento al seguente problema:  –  una docente è in maternità facoltativa fino al 22/12/16 e dal 23/12/16 chiede  ferie per le vacanze natalizie (dal 23/12/16 al 08/01/17) –   la docente dal 09/01/2017 chiede nuovamente maternità facoltativa  –  è possibile confermare la docente supplente su quel posto dal 9 di gennaio? o bisogna ridiscorrere la graduatoria?  –  il periodo di ferie interrompe il conteggio dei 150 giorni per il rientro a disposizione della stessa dal 01/05/2017? Si precisa che la docente titolare non effettua nessun rientro né  prima né dopo le vacanze natalizie. grazie

Permessi spettanti al personale che fa parte del consiglio comunale. Chiarimenti per il Dirigente

Dirigente Scolastico  – Buongiorno, con la presente si pone il seguente quesito riguardo ai permessi spettanti al personale che fa parte del consiglio comunale. Un nostro docente nominato consigliere comunale chiede di poter fruire di un giorno di permesso per partecipare alla riunione della commissione elettorale del suo Comune.  Spetta tale permesso al lavoratore il giorno in cui la commissione si riunisce? Da quale norma si evince ? In attesa di un cortese riscontro si porgono i più distinti saluti e si ringrazia per i chiarimenti sempre utili.