Valutazione titoli graduatorie di istituto. Chiarimenti per la scuola

Scuola – Buongiorno, dovendo stilare la graduatoria interna, con la presente si chiedono informazioni in merito a quanto segue:  – Una docente che ha ottenuto il passaggio dal sostegno scuola primaria a posto comune, giunta per trasferimento presso il nostro istituto quest’anno, va collocata in coda alla graduatoria interna. Esatto? – la stessa docente nel compilare la scheda mi inserisce al punto D) due titoli che nello specifico sono: 1) diploma di maturità linguistica conseguito presso un liceo linguistico ( oltre alla maturità magistrale con la quale insegna) 2) diploma che la stessa chiama diploma universitario di traduttore e interprete. Tale titolo, prodotto in copia, è un diploma di scuola superiore  per traduttore e interprete di X. Ritiene che tali titoli siano valutabili nel punto D (a mio avviso no) o in altri punti del modello?

Graduatoria interna e valutazione articoli di giornale e monografie

Scuola – Un docente ha presentato nella graduatoria interna nelle casella E “per ogni corso di perfezionamento di durata non inferiore ad una anno etc:::” i sottostanti titoli: Monografie: articoli in miscellanee scientifiche; Articoli in atti di convegno Articoli su riviste scientifiche. che sono valutati nel concorso docenti 2012 ex art. 400, comma 8 decreto legislativo 16/04/1994, n. 297 al punto B.1 (articoli scientifici 0;20 – monografie: 1 punto) Si considerano nella graduatoria interna?

Assistenza familiari ed esclusione graduatoria interna

Scuola – Buongiorno, una docente usufruisce della l. 104 per zia co-abitante e residente in altra provincia di servizio. DOMANDA:la docente in questione può presentare domanda di trasferimento 2016/2017 nel comune di residenza e far valere l’esclusione dalla grad. interna d’ist. per quest’anno allo stesso modo come per il coniuge, figlio o genitore? Grazie per l’attenzione dalla segreteria dell’Istituto.

Continuità. Si calcola fino al 31/8/2015

Scuola –  sono Stefania, una assistente amministrativa, sto lavorando alle graduatorie interne ed ho un dubbio sull’ attribuzione del punteggio per la continuità nel comune: una docente ha 10 anni di ruolo nella scuola media I grado ed ha prestato servizio nel comune di Roma. Dal 1 settembre 2015 passa al ruolo della scuola superiore ed è assegnata alla mia scuola che è sempre nel comune di Roma. La docente mantiene la continuità nel comune o la perde a causa del passaggio di ruolo?

Abbandono supplenza ATA e conseguenze per l’a.s. in corso. Chiarimenti per la scuola

Scuola – Per un Coll. Scol., incluso in graduatoria di Circolo (provincia X) in III Fascia, nominato con contratto dal 02/10/2015 al 15/12/2015, che ci ha inviato mail con comunicazione di dimissioni a decorrere dal giorno 09/10/2015 per assumere servizio in qualità di Assistente Amministrativo presso Scuola Paritaria in provincia di Y fino al 30/06/2016, è stato emesso decreto con indicazione di poter conseguire ulteriori supplenze per il medesimo profilo per il corrente a.s., sia sulla base delle graduatorie ad esaurimento che di quelle di circolo. Si è agito correttamente oppure no? La nostra richiesta viene avanzata ora perché in data 01/03/2016 lo stesso Coll. Scol. ha proceduto a licenziarsi per poter assumere supplenza come Coll. Scol. presso altra scuola della provincia di X, fino al 06/06/2016, e ci ha fatto pervenire lettera per tramite del suo legale con richiesta di annullamento del provvedimento da noi emesso in ottobre. Ringraziamo anticipatamente per la risposta.

Trasferimento provinciale da sostegno a comune. Chiarimenti

Cristina – Quest’anno, avendo completato il quinquennio previsto per legge sul sostegno ( sono stata immessa in ruolo nell’as 2011-12), vorrei fare domanda per passare sulla mia materia ( a346: inglese al superiore). È mia intenzione chiedere una scuola all’interno del mio comune di servizio e di residenza. Chiedo: il mio caso è un semplice trasferimento oppure un passaggio di cattedra? Lo chiedo perché, come sappiamo, il sostegno non è una classe di concorso, ma una lista incrociata di varie classi e quindi a logica mi sembrerebbe un trasferimento.

Passaggio di ruolo. E’ necessaria l’abilitazione per il passaggio richiesto

Rosanna – Buongiorno chiedo cortesemente un chiarimento   Sono una docente di ruolo con 28 anni di servizio nella scuola primaria ho la laurea specialistica LM 92 ho visto i bandi di concorso a cattedre e capisco che è solo per gli abilitati, non ho capito molto sulle nuove classi di concorso cioè se la mia laurea rientra tra quelle con cui si può accedere all’insegnamento e se così fosse cosa posso fare con questo titolo preso con sacrifici? Posso almeno chiedere il passaggio di ruolo dal momento che non posso fare il concorso?  Nessuno riesce a darmi chiarimenti. Preciso che rispetto a tanti colleghi che sono precari forse il mio problema è marginale ma se passassi al superiore o alla media lascerei un posto alla primaria!!  Spero in una vostra risposta, grazie .

Pagamento periodo di sospensione delle lezioni. Chiarimenti

Docente – Sono una docente di scuola primaria. Ho una supplenza su posto comune dal 22 ottobre e proseguirà in quanto la titolare assente x malattia .Il mio problema è che la scuola non intende pagare le vacanze di Natale ,pur essendo una certificazione medica continuativa ( copre quindi 7 gg prima e 7 gg dopo).La scuola sostiene che poiché il sistema informatico é cambiato rispetto agli altri anni, nn riconosce i gg a livello economico ma solo giuridico. Chiedo come devo comportarmi per avere diritto al pagamento.

Abbandono del servizio. Chiarimenti per la scuola

Buongiorno – Si sottopone alla Vs. attenzione il seguente quesito: un docente, in part-time (7/18), con contratto a T.D. fino al 30/06/2016, dopo ripetute assenze per malattia, ha presentato dimissioni dal servizio. L’ultima assenza è stata fino a venerdì 4/3/2016; le dimissioni sono state presentate lunedì 7/3/2016. In che data si può considerare chiuso il contratto e fino a quando il pagamento? (sabato 5 marzo o domenica 6 marzo?) In attesa di cortese risposta, porgiamo cordiali saluti.

Riduzione oraria per allattamento e anno di prova. Chiarimenti per il Dirigente.

Dirigente – Un’insegnante incaricata presso la mia scuola dal 4 settembre 2015, in astensione obbligatoria fino al 7/9/2015,entrata in ruolo nella fase B con destinazione Venezia, con differimento ha ripreso servizio presso il nostro Istituto il 10 novembre 2016. Avendo avuto due gemelli, ha chiesto il raddoppio delle ore di allattamento e quindi da una cattedra di 18 ore per l’insegnamento di lettere presso la scuola secondaria di I grado, le sono state tolte 10 ore (essendo il servizio su 5 giorni settimanali). Per venire incontro alle sue esigenze, le è stato fatto un orario di servizio su 3 giorni settimanali. Se si contano le ore effettive di servizio, non riesce a fare le 120 ore necessarie per poter svolgere l’anno di prova. Ma se si applica la riduzione delle ore in rapporto all’orario effettivo svolto (8 ore) sì. La domanda è: può svolgere l’anno di prova? Le sarei grata per una risposta veloce. Grazie.

Punteggio pre ruolo per servizio svolto nella scuola primaria paritaria

Lia  – Salve, sono una docente di sostegno nella scuola primaria entrata di ruolo il 01/09/2014. Nel periodo antecedente quest’anno ho svolto tre anni nella scuola primaria in una scuola paritaria. Ora ai fini di una graduatoria interna i tre anni di servizio pre-ruolo andranno valutati? Devo compilare la scheda per l’individuazione dei docenti soprannumerari.

Passaggio di ruolo interprovinciale. Fase B. Come avviene il movimento

Elena  – Buonasera, sono in ruolo dal 2007, e dovrò chiedere trasferimento interprovinciale per motivi di famiglia. Contestualmente vorrei chiedere anche il passaggio di ruolo (dal I al II grado): potrò indicare solo 3/4 preferenze nel primo ambito scelto, anziché le 15 possibili? Oppure anche se ne indico poche, laddove non fossero disponibili, potrebbero darmi altre sedi vacanti sempre del primo ambito (non richieste esplicitamente)? Grazie anticipatamente.

Anni di pre ruolo e punteggio per figli fino a 6 anni. Chiarimenti

Carmen – Gentili consulenti, sono un insegnante di ruolo di scuola primaria, posto comune, e mi accingo a compilare la scheda per l’ individuazione degli eventuali docenti soprannumerari nella mia scuola. Nell’a.s. 2011/2012 ho ottenuto il trasferimento, da un’altra scuola,  nella scuola di attuale titolarità (posto sostegno) e dopo aver completato il quinquennio, nell’a.s. 2014/15, ho ottenuto il trasferimento da posto di sostegno a posto comune nella stessa scuola (quindi il servizio nella scuola di attuale titolarità è stato continuativo dall’a.s.2011/2012 a tutt’oggi). Il punteggio relativo alla continuità nella stessa scuola come viene calcolato? Gli anni di servizio di ruolo, prestati su posto di sostegno nella stessa scuola, mi valgono 1 pt ad anno ( come indicato nella tabella alla lettera C(0  dell’anzianità di servizio)? Come mai nella tabella non è più presente la lettera C(0 e invece nelle note sottostanti la scheda ( quella della mia scuola) si fa riferimento alla stessa lettera nella nota 5? Vi ringrazio per la l’attenzione.

Congedo per matrimonio e tempo di fruizione

Caterina – Buongiorno, il mio compagno è un insegnante della scuola secondaria superiore entrato di ruolo quest’anno. Per problemi di salute dei miei genitori abbiamo deciso di sposarci il 09/04/2016. Lui può chiedere di usufruire della licenza matrimoniale dal 27/06 in poi, cioè oltre i 2 mesi previsti dal contratto della scuola? Grazie Cordiali saluti

Fase B dei trasferimenti per gli assunti da concorso. Chiarimenti

Docente – Gentilissima redazione, sono un’insegnante neo-assunta, fase 0 da concorso, per la scuola dell’infanzia su sostegno nella propria provincia. Vorrei chiedere per quanto riguarda le operazioni di mobilità a quale fase appartengo (alla prima o alla seconda come dicono alcuni) e quando si svolgeranno le operazioni che mi interessano? Un altro quesito come insegnante di ruolo credo non mi interessi più aggiornamento della graduatoria di istituto in cui ero presente per infanzia e primaria) di seconda fascia con inserimento del titolo di sostegno. Confermate che è così? Grazie per l’attenzione. Cordiali Saluti.

Chiusura scuola e obblighi del personale ATA

Paolo – Il sindaco ha firmato l’Ordinanza di sospensione dell’attività didattica con la conseguente chiusura delle Scuole di ogni ordine e grado per il giorno 8 marzo per interruzione idrica su tutto il territorio comunale per l’intera giornata. Il Dirigente Scolastico può obbligare al personale ATA di prestare servizio? Considerato tale deficienza temporanea comporta l’inagibilità a causa dei servizi igienico-sanitari o si pensa il personale ATA è immune a qualsiasi malattia. Grazie dell’attenzione.

Precedenza per coniuge militare trasferito d’ufficio all’atto del congedo

Docente – Alla cortese attenzione del Gentilissimo Sig. Paolo Pizzo.  Gentilissimo Sig. Paolo ho letto solo recentemente alcuni art. sulla rubrica Chiedilo a Lalla e un post sul Forum ed ho appreso per la prima volta che in base all’art. 2 della Legge nr. 86 del 2001 (che richiama l’art. 17 della legge 28 luglio 1999, n. 266) il coniuge docente convivente del personale di cui al predetto art. 17 (quindi anche militare G. di F.) , anche quando il militare  viene posto in congedo ed elegge domicilio in un dato comune, avrebbe  diritto alla precedenza nelle domande di mobilità intercomunale. Siccome non ero a conoscenza di questa norma e non vorrei precludermi nessuna possibilità, volevo chiedere innanzitutto se ho capito bene, poi vorrei prospettare, in dettaglio, il mio caso per sapere se posso o meno aver diritto a questa precedenza (a dire il vero non ci credo tanto). Sono moglie di un militare G di F. in congedo dal 2008 che ha eletto domicilio da quell’anno in un comune della regione Puglia (premetto che era residente già prima del congedo in quel Comune, dal 1998.) Anche io convivo e risiedo dal 1998 nello stesso Comune e nella stessa abitazione di mio marito. Essendo stata assunta lo scorso 1 settembre in fase zero (da GAE) nella regione Marche e potendo fare domanda di mobilità interprovinciale in fase D in base alla nuova ipotesi CCNL, volevo gentilmente chiedere:  –  Se ho diritto o meno a questa precedenza anche in considerazione del fatto che mio marito è in congedo dal 2008 e visto che non ho letto nulla a proposito di scadenze temporali; –  In caso di risposta positiva cosa comporta praticamente l’aver diritto a questa precedenza e quale tipo di documentazione è richiesta.

Fase comunale e provinciale. Differenze

Katia – Buongiorno, Sono una maestra di scuola dell’infanzia  (posto comune) assunta nell’anno scolastico 2014-15. Vorrei essere sicura di aver capito bene le fasi del trasferimento, per valutare al meglio come presentare la mia domanda di mobilità. Lavoro nel comune A e vorrei trasferirmi nel comune B o, in subordine, in altra sede del comune A. Presentando la mia domanda in questo modo, non partecipo alla fase detta comunale, ma solo a quella provinciale, insieme ai nuovi assunti delle fasi 0 e A. Se invece esprimo prima le preferenze per il comune A, in cui già lavoro, partecipo alla fase provinciale solo se non ottengo il trasferimento nella fase comunale? O nel momento in cui esprimo preferenza per il comune B, partecipo comunque solo in fase provinciale, indipendentemente dall’ordine delle mie preferenze?  Grazie.

Graduatoria interna e ricongiungimento al coniuge

Assistente Amministrativa – Salve sono un assistente amministrativo passato di ruolo il 01/09/2014 ho fatto normale domanda di trasferimento (interprovinciale) e ho chiesto il ricongiungimento al coniuge, sono stato trasferito no nel comune di ricongiungimento perché non c’era posto ma 3 km da casa.  La mia domanda è la seguente nel compilare la domanda per la graduatoria interna lo devo mettere il punteggio del ricongiungimento al coniuge anche se non mi trovo nel comune dove risiedo solo per quest’anno.  Ringrazio anticipatamente.

Fascia stipendiale in godimento

Francesco  – Desidererei sapere, più o meno, a quanto ammontano gli arretrati per la ricostruzione di carriera considerando che i primi 4 anni riconosciuti per intero e gli altri per i 3/4. Facendo conteggio di cui sopra, ho diritto a 21 anni tra pre-ruolo e ruolo. Quanto dovrei ricevere di arretrati? Grazie.