Ridefinizione della progressione economica stipendiale

Rosa  – sono una docente di scuola dell’infanzia entrata di ruolo 01/09/1995,dovevo scattare nel passaggio di gradone il 31/12/2012,per effetto del blocco degli scatti l’aumento è stato prorogato al 31/12/2014. Nel cedolino di gennaio 2015 trovo scadenza 31/12/2021 ma non ho ricevuto gli arretrati per il recupero del 2012. Chiedo cortesemente cosa posso fare per avere il rimborso e a chi posso rivolgermi. Vi ringrazio e nell’attesa di un vostro cortese riscontro porgo cordiali saluti.

Diritto alla pensione anticipata nel 2018

Goffredo  –  La disturbo per chiederLe notizie certe sulle ultimissime proposte che attengono al prepensionamento per i docenti.Sa, se ne dicono tante ed io vorrei perciò che mi fosse detta qualcosa di concreto.Io ho quasi 62 anni di età e mi mancano 5 mesi per i 40 di servizio in scuole statali.Può dirmi, per favore, con precisione quali prospettive posso avere se decido di lasciare con relativa penalizzazione? Grazie e resto in attesa di Sue informazioni. Cordialmente.

Adozione internazionale e assenza che supera il 1/9/2015

Rosaria  – sono una docente di sostegno di scuola primaria pubblica a tempo indeterminato che per il prossimo anno scolastico 2015/2016 ha avuto trasferimento dalla sede di attuale titolarità in Roma a Napoli. Il 1 settembre 2015 dovro’ prendere servizio presso la nuova scuola, ma ad agosto partiro’ per il Brasile dove io e mio marito andremo ad accogliere due bambini in adozione internazionale. Poichè non rientrero’ per il 1 settembre cosa devo fare?Vorrei portare a conoscenza la dirigente della nuova scuola della situazione, ma da un punto di vista amministrativo come devo comportarmi?A chi far presente, mediante apposito certificato, questa partenza?Alla scuola di ATTUALE titolarità o alla prossima?Potresti cortesemente dettagliarmi cosa fare?Grazie mille .

Supplenze: proroghe per scrutini e docente in maternità. Chiarimenti per la scuola

Scuola – Si chiede parere circa la sottoindicata situazione: una docente di scuola primaria è assente dal 17/09/2014 per interdizione, poi astensione obbligatoria per maternità fino al 03/06/2015 (il 04/06/2015 rientra in servizio a disposizione), su di lei c’è una supplente che è a sua volta in interdizione dal 27/03/2015 (data presunta del parto 14/10/2015) ed ha un contratto dal 22/09/2014 al 03/06/2015. Sulla supplente c’è una seconda supplente breve con contratto fino all’08/06/2015. Gli scrutini sono previsti solo per il giorno 10/06/2015. Si chiede se alla prima supplente spetta la proroga del contratto fino all’08/06/2015 e poi anche dal 09/06/2015 al 10/06/2015 per gli scrutini, in base all’art. 37 e all’art. 12 del CCNL. Si chiede se alla seconda supplente, la quale è effettivamente in servizio, spetti la proroga sulla titolare dal 09/06/2015 al 10/06/2015 oppure la conferma sulla prima supplente solo per il 10/06/2015. Si ringrazia anticipatamente.

Supplenze ATA: dimissioni e proroga contratto. Chiarimenti per la scuola

Scuola – Chiedo cortesemente risposta al seguente quesito: una collaboratrice scolastica a tempo determinato fino al 30/06/2015 per n. 24 ore su 36, in servizio dal mercoledì al sabato, è assente per malattia fino a sabato 23/05/2015, su di lei è stata nominata una supplente breve. La prima collaboratrice scolastica presenta le dimissioni da mercoledì 27/05/2015. Quale sarà la data della fine del suo contratto: l’ultimo giorno di effettivo servizio (coperto da certificato medico) 23/05/2015 dato che domenica, lunedì e martedì (giorno festivo e giorni liberi) non c’è stata presa di servizio oppure il 26/05/2015? Di conseguenza il contratto della supplente breve deve essere prorogato dal 24/05/2015 (domenica) in entrambi i casi? Oppure nella seconda ipotesi non ha neanche diritto alla proroga? Ringraziando anticipatamente si rimane in attesa di riscontro.

Assegnazioni e utilizzazioni: il docente perdente posto che richiede la sua ex scuola

Maria – Buon giorno, sono una insegnante di scuola media A059,  con punteggio di graduatoria 69 e un mio collega con punteggio 30; divento perdente posto perche quest’ultimo gode della legge 104 per il figlio residente a 100 km di distanza dalla scuola. Fatta la domanda di trasferimento condizionata mi danno trasferimento in una scuola distante dalla scuola di titolarità 20 km. Il collega rimane titolare perchè non ha ottenuto il trasferimento vicino al figlio. Ora il mio collega chiederà assegnazione provvisoria per scuole più vicine alla sua residenza; se otterrà l’assegnazione provvisoria che fine farò io? Sarò riassorbita nella mia scuola o dovrò fare pure io domanda di  assegnazione provvisoria per rientro?  Grazie.

Graduatoria interna: esclusione di un docente con art. 21. Chiarimenti per il Dirigente Scolastico

Dirigente Scolastico – Apprezzo tanto lo staff di orizzonte scuola per la competenza e la chiarezza. Ho bisogno di un Vs autorevole supporto. Nella graduatoria interna per l’individuazione del Docente soprannumerario, non ho graduato un Docente in possesso di:- art.3 c.1 L.104/92 (non rivedibile)- Invalidità civile al 67%. Il docente individuato soprannumerario, ricorre e mi chiede: da quale normativa si evince che il 67% sia requisito sufficiente per la non graduabilita’?Grazie infinite per la risposta che mi darete.

Supplenze: contratto fino agli scrutini. Chiarimenti per la scuola

Scuola – un docente a tempo determinato supplenza breve per n.14 ore settimanali che rientra nell’art 37 per la continuità del contratto finisce venerdì 12 giugno gli scrutini. Il 13 giugno sabato c’è il collegio docenti. Domanda il 13 giugno è da considerare nel contratto? e il 14 giugno che è domenica? un grazie dalla segreteria dell’istituto.

Aspettativa per motivi di famiglia. I 6 mesi in più.

Benedetta  – sono un’insegnante di sostegno con contratto a tempo indeterminato. Il 01/09/ 2014 ho preso un’aspettativa per motivi familiari per ricongiungimento al coniuge (mio marito è assunto a Londra, settore privato) che è durata 10 mesi continuativi (dovrei rientrare in servizio il 16 luglio p.v.). La domanda è: POSSO CHIEDERE PIU’ DI UN ANNO DI ASPETTATIVA? Ho letto da qualche parte che “per gravi motivi può essere concesso un ulteriore periodo di sei mesi di aspettativa, sempre su richiesta del dipendente”.  Tenga presente che i miei due figli (entrambi minorenni) frequentano scuole inglesi. Grazie per la sua cortesia e per il suo tempo.

Esami di Stato II grado: contratto per chi arriva al termine delle lezioni. Chiarimenti per la scuola

Scuola – Buongiorno, una docente a tempo determinato per supplenza breve fino al termine delle lezione viene nominata commissario interno esami di stato as. 2014/2015. Domanda dal 15 giugno insediamento commissioni esami di stato la docente risulta esterna all’amministrazione, come fare il contratto, con quale codice, paga la scuola o la ragioneria? Cordialità dalla segreteria dell’Istituto.

Fascia stipendiale agosto 2016

Piero  – Buonasera. insegno alla Scuola Secondaria di Potenza. Sono stato immesso in ruolo nell’Anno Scolastico 2006/07 per la classe di concorso A043, con sette anni di servizio pre-ruolo. Mi è stata fatta la regolare pratica di ricostruzione della carriera e dal 01.09.2009 sono stato inquadrato nella fascia stipendiale 9/14. La mia scadenza originaria per la 15/20 era agosto 2015. Il DL 78/2010 di Tremonti l’aveva fatta slittare ad agosto 2017. Ora che le annualità 2010-2011-2012 sono state recuperate, ma rimane bloccato il 2013, Vi chiedo: quale sarà la nuova scadenza? Confido in una Vostra risposta.

Il servizio pre – ruolo riconosciuto ai fini della progressione della carriera non può mai essere a soli fini giuridici

Scuola – Si pone il seguente quesito: i servizi “validi ai soli fini giuridici” sono utili ai fini della ricostruzione della carriera? Se la risposta dipende dalla motivazione di tale tipo di nomina si specifica i due casi: Un caso il servizio valido ai soli fini giuridici è dovuto al fatto che la supplente era in astensione obbligatoria; Nell’altro caso il servizio valido ai soli fini giuridici è dovuto ad  una nomina nell’a.s. 2000/01 quando le graduatorie permanenti definitive furono pronte ad a.s. già avviato e fu emesso il D.L. 16 del 19/02/01 con il quale si salvaguardava i supplenti già nominati con una nomina giuridica. La segreteria.

Sentenza e ricostruzione carriera

Assistente amministrativa – Salve, sono un’assistente amministrativa della provincia di Campobasso, il mio quesito riguarda la valutazione di un servizio riconosciuto a seguito di sentenza del TAR Molise, come si valuta tale servizio ai fini della ricostruzione di carriera? In pratica il dipendente ha fatto ricorso per una supplenza conferita ad altri, avendone diritto e non interpellato. In attesa di una risposta, distinti saluti.

Arretrati con decorrenza 31/12/2015

Gaetanina  – salve , sono una docente di ruolo dal 10-09.1984 + 4 anni di pre ruolo, mi trovo in classe 28 e il mio scatto di anzianità era previsto il 31.12.2015, poi è diventato credo 2019, poi 2017 , adesso sul cedolino di aprile 31.12.2016. questa data sarà rispettata e avrò diritto ad arretrati visto che la mia data di scatto era la 2015? se si, avro’ diritto ad arretrati quando? con quale modalità riceverò la vostra risposta? con e mail o devo consultare il sito ? Grazie

INPS ed estratto contributivo

Tiziana – Gentile redazione, sono un’insegnante della scuola primaria prossima alla pensione. Dai calcoli effettuati dovrei andare a settembre del 2017 . Dall’estratto contributivo  INPS non risultano due anni di preruolo prestati come assistente di scuola materna con incarico a tempo indeterminato e uno di insegnante di scuola materna. E’ presente solo un breve periodo di quegli anni quantificato in poche settimane di contributi. Sono in possesso di certificati di servizio attestanti quei periodi e anche un decreto di ricostruzione carriera richiesto  per  fini economici dove compaiono i servizi prestati in quegli anni. Questa assenza dei contributi versati costituirà un problema al momento della richiesta di pensionamento? E nel caso cosa dovrei fare? A chi rivolgermi?  Sentiti ringraziamenti per i preziosi suggerimenti Tiziana.

“Quota 96″ soddisfatta nel 2012

Irene – Sono un’insegnante di scuola primaria , nata il 15 dicembre 1951,  in servizio di ruolo dal 10 settembre 1982 e con 3 anni, 11 mesi e 26 giorni di servizio pre ruolo. A questi vanno aggiunti 10 mesi per congedo maternità di n° 2 figli (periodo corrispondente al congedo di maternità, verificatisi al di fuori del rapporto di lavoro, già riconosciuti); invalida civile dalla nascita, ma con riconoscimento di aggravamento (del 75%) dal  2 ottobre 2009. Le chiedo: con i requisiti sopra elencati quando maturerò il diritto di andare in pensione di anzianità? E di vecchiaia? FACCIO PARTE ANCH’IO DEI FAMOSI QUOTA 96? Grazie e cordiali saluti IRENE.

Pensione ed invalidità superiore al 74%

Anna  – Sono un’assistente amministrativa nata il 06/01/1957  con  31 anni di anzianità al 01/10/2015. Inoltre sono invalida civile  così riconosciuta: Dal 1992 al 2013  al 68%   Legge 104/92 art. 3 comma 1; Dal 2014  invalidità al  90% con Legge 104/92  art. 3 comma 3 . Vorrei cortesemente sapere  se  con questa   invalidità  posso usufruire della deroga  prevista nei nuovi requisiti di pensionamento 2016. Vorrei sapere inoltre se ho diritto  allo scivolo previsto dalla Legge 388/2002 di due mesi per ogni anno di servizio fino a  un massimo di 5 anni contributivi. Grazie, cordiali saluti.

Diritto alla pensione anticipata nel 2018, con decorrenza 1/9

Laura – Buongiorno,sono Laura,collaboratrice scol.  da settembre 2000. Sono nata il 14/03/60.Al 31/12/2015 ho 39 anni 7 mesi e 16giorni e vorrei sapere quando posso andare in pensione.( Sono invalida civile al 46%). Nell ‘arco della mia vita lavorativa ho fatto l’operaia e la commerciante e da settembre 2000 lavoro nella scuola. La ringrazio anticipatamente.

Ricostruzione della carriera e servizio come Contrattista o Assegnista

Scuola – Buongiorno sto facendo la ricostruzione  della carriera ad una nostra insegnante di scuola dell’infanzia, la signora ha lavorato per 8 mesi e 26 giorni (in anni diversi) c/o l’universita della valle d’Aosta in qualità di “docente a contratto” , contratto configurato come collaborazione coordinata e continuativa e dal 2009 al 2013 c/o l’università sacro cuore di Milano come assegnista di ricerca. quando ho avviato il calcolo della ricostruzione ho inserito come NON valido il periodo da assegnista perché secondo me non valido,  gli altri servizi li ho lasciati come VALIDI… ho letto e riletto l’art. 485 del decreto l.vo 297 … la mia domanda è: la procedura che ho effettuato è giusta oppure visto che questa università non è statale i periodi non sono validi? vi ringrazio sin da ora per la risposta. cordiali saluti.