Riduzione oraria per allattamento: è possibile cumulare le ore in un solo giorno? Chiarimenti per la scuola

Scuola – mi rivolgo a lei per avere un chiarimento: una docente a tempo determinato ha un incarico di 9 ore ed ha presentato un orario distribuito in 2 giorni la settimana, cumulando le tre ore di allattamento in un unico giorno. E’corretto procedere in questo modo?  Certa di una sua risposta le invio cordiali saluti.

Fruizione programmata del congedo parentale. Chiarimenti

Lara – sono un’insegnante di scuola media e madre di una bimba che tra poco compirà 1 anno. Attualmente usufruisco dei riposi per l’allattamento, quindi svolgo solo 12 ore settimanali, ma in seguito dovrò completare con le restanti 6, in un altro plesso dello stesso istituto. Sarei interessata a chiedere del congedo parentale a giornate, ma purtroppo ne avrò una in cui sarò in entrambi i plessi, perciò non mi sarà possibile mantenere il mio orario attuale, lasciando al supplente le ore che ha fatto finora. Avrei bisogno quindi di un chiarimento: se volessi prenderlo per un periodo lungo (per es. tutti i lunedì e i mercoledì  fino a fine aprile), qual è il numero massimo di ore settimanali che posso lasciare al supplente?

Servizio pre ruolo per la docente collocata in congedo di maternità: la supplenza fino al termine delle lezioni più scrutini

Letizia – sono una neo immessa in ruolo su sostegno AD02 con nomina giuridica dal 01/09/2014 ed economica dal 01/09/2015. Dal mio USP di riferimento mi hanno chiesto un prospetto di tutti i miei titoli di servizio e culturali in modo tale da iniziare a stilare sin da subito il mio punteggio che poi mi servirà al momento delle operazioni di mobilità. Ho un problema relativo all’anno scolastico 2011/12.In quell’anno beneficiavo del cosidetto salvaprecari e quindi ho caricato in graduatoria ad esaurimento 12 punti. Io però quell’anno scolastico ho lavorato dal 16/01/2012 al 12/06/2013 (data fine delle lezioni) su cattedra di 18 h di sostegno Ad02. Il mio contratto non ha previsto l’espletazione degli scrutini svoltisi qualche giorno dopo il 12/06 perchè io sono entrata in astensione obbligatoria dal 02/06/2012. Dal 13/06/2012 infatti, mi hanno fatto un altro contratto che copriva fino al 02/11/2012 il periodo di maternità obbligatoria .La funzionaria dell’Usp sostiene che, visto che non ho espletato gli scrutini, questo anno scolastico non può essere conteggiato e quindi io mi ritroverei a perdere ben 6 punti del punteggio che mi spetterebbe. Vorrei sapere se ho diritto all’attribuzione o meno di questi 6 punti. Io non ho espletato gli scrutini solo perchè ero in maternità obbligatoria e trovo incredibile che per questo motivo non abbia diritto a considerare come interamente svolto questo anno scolastico. Grazie mille.

Sospensione del congedo parentale per malattia del figlio

Patrizia – vorrei gentilmente una delucidazione: sono una docente a tempo determinato con contratto fino al termine delle attività didattiche 30/06/2014 su una cattedra di 18 ore sostegno attualmente in astensione obbligatoria fino al 5/01/2014, presenterò di seguito richiesta di fruizione di astensione facoltativa dal 05/01/2014 al 30/03/2014. Ora, durante questo periodo, se il piccolo si dovesse ammalare sarebbe possibile richiedere la sospensione di detto periodo, cambiando il titolo dell’assenza, per usufruire dei giorni di malattia bambino necessari alla guarigione e poi di seguito continuare a godere del congedo slittando la data del rientro?. Qual è la normativa che lo prevede? Grazie.

Congedo parentale al 30% o senza retribuzione è valido ai fini del punteggio. Chiarimenti.

Anna  – sono una docente precaria con contratto fino al 30 Giugno. A dicembre per motivi familiari dovrò assentarmi da scuola per una settimana ed avendo una bimba di quasi 4 anni ricorrerò all’astensione facoltativa. Due domande: per percepire in quei giorni il 30% dello stipendio devo considerare il mio reddito presunto lordo del 2014 (so che deve risultare inferiore a 16.000 euro)? Nel caso in cui non dovessi aver diritto al trattamento economico la segreteria mi ha informata che si interromperà il servizio perchè non vengono versati i contributi. Io credo che non sia così ma non sono riuscita a trovare conferma di ciò. Mi potresti cortesemente fornire riferimenti precisi? Grazie infinite, un caro saluto .

Congedo parentale: la domanda può essere presentata entro le quarantotto ore precedenti l’inizio del periodo di astensione dal lavoro

Ilaria Maria – ho ricevuto proprio oggi un incarico sino al 21 dicembre. Oggi stesso ho preso servizio e ho fatto richiesta di astensione facoltativa della quale fino a oggi avevo usufruito di soli 6 giorni. Ho chiesto di iniziare già da lunedì prossimo e il preside mi ha negato la richiesta dicendo che deve necessariamente esserci un preavviso di 15 giorni. Io non ho nessuno che mi tiene la bimba non posso iscriverla al nido solo per 15 giorni ne ho la possibilità economica per una baby sitter. Cosa posso fare? Necessità davvero questo preavviso? Se no, come posso dimostrarlo? Grazie attendo informazioni.

Congedi di maternità e paternità per le adozioni internazionali. Riepilogo

Robert – Buongiorno, abbiamo adottato 2 bambini a Santo Domingo e dovremmo partire per la socializzazione tra poco ma ad oggi non sappiamo come giustificare le giornate di permanenza nella nazione Domenicana. La nostra è una adozione plurima,  noi siamo 2 dipendenti pubblici, si può prendere la maternità contemporaneamente per tutti e 2 i genitori? La nazione Domenicana ci chiede 6 mesi di permanenza in loco. Grazie mille. Aspetto risposta.

Congedo parentale e malattia bambino in caso di affido

Angelica – Gentilissimi esperti ho bisogno di alcune delucidazioni per risolvere un”caso difficile”. Sono una docente di scuola primaria a tempo indeterminato, ho in affido temporaneo ( da due mesi) due bambini di 5 e 10 anni. Attualmente sto usufruendo dei tre mesi previsti dalla legge. Chiedo gentilmente risposta alle seguenti domande: 1) Finiti i tre mesi posso chiedere congedo parentale ( aspettativa facoltativa)? Siccome sono due bambini ho diritto a 6 mesi + 6 mesi ( di cui due pagati al 100% ) oppure posso usufruire solo di 6 mesi per un solo bambino? 2) La malattia per i bambini in affido come funziona? Si tiene conto dell’età anagrafica dei bambini oppure ( come nell’adozione) si tiene conto del fatto che l’ingresso in famiglia è considerato come ” zero” mesi? In pratica che diritti ho in caso di malattia dei due bambini? Ringrazio anticipatamente.

Calcolo del periodo post partum con data del parto posticipata

Federica – Buongiorno, sono insegnante di sostegno di ruolo nella scuola Il 4 Febbraio sono entrata in maternità anticipata fino al 6 Giugno con data presunta parto il 6 agosto. Mio figlio però ha tardato di 2 settimane,è nato il 19 agosto con parto cesareo. La mia direzione tiene in considerazione la data presunta e non la data effettiva del parto, quindi la maternità obbligatoria termina il 7 Novembre (domani!).Però leggendo il vostro vademecum sulla maternità i tre mesi di obbligatoria post parto  sono a partire dalla data effettiva e quindi la scadenza sarebbe il 19 Novembre e non rispetto alla data presunta. Giusto?aiuto!

Malattia bambino e visita fiscale: il Dirigente che dispone il controllo commette un abuso e un danno erariale

Imma – sono una docente di sostegno a tempo determinato con incarico annuale. Dall’inizio di quest’anno scolastico ho preso 4 giorni non consecutivi di malattia bambina, avendo una bambina di età 11 mesi che si raffredda spesso poichè è nel suo primo anno di inserimento al nido. Il preside mi ha richiamata dicendomi che la prossima volta che prendo malattia bambina mi manda il medico fiscale perchè è di sua competenza. Io so che per legge non dovrebbe. Può effettivamente mandarmi la visita? Come faccio se devo recarmi in farmacia o altro?

Interruzione del periodo di flessibilità della maternità

Doriana – sono una docente a tempo indeterminato in un istituto di istruzione secondaria superiore. Dovrei andare in maternità il prossimo 9 novembre ma vorrei chiedere di rimanere in servizio anche per l’ottavo mese. Ho acquistato la tua utilissima guida sulla maternità nella scuola, e ho capito che devo presentare prima dell’inizio dell’astensione obbligatoria un certificato dell’Asl che attesti che posso rimanere in servizio. La mia domanda è la seguente: qualora decidessi di non rimanere in servizio per tutto l’ottavo mese, ma di restare, ad esempio, solo quindici giorni, che tipo di domanda devo presentare alla scuola? Basta una mia richiesta o devo farmi fare un altro certificato? E nella domanda da presentare alla scuola,devo comunque chiedere di rimanere in servizio per un mese, o devo decidere prima quanto tempo intendo restare? Fiduciosa di una tua risposta, ti ringrazio per il servizio offerto.

Modalità di richiesta del congedo parentale

Antonella – sono una docente a tempo indeterminato e vorrei usufruire di 5 giorni di congedo parentale per mia figlia minore di 8 anni.  La domanda va spedita con raccomandata A/R al Dirigente Scolastico della mia scuola? L’articolo 12  comma 7 del CCNL Comparto Scuola riferisce di inviare tale domanda all’ufficio di competenza, cosa si intende per ufficio di competenza? La scuola  o la mia sede INPS di competenza? Grazie per l’attenzione.

Anno di prova e scelta della sede definitiva

Antonella – Salve! Sono una docente immessa in ruolo quest’anno dal 1settembre 2014 (su posto di sostegno scuole medie AD00), da concorso 2012. Ho dovuto scegliere come sede provvisoria una scuola un po’ lontana da casa ma poiché ho una bimba di pochi mesi vorrei prendere il congedo parentale e rimandare l’anno di prova all’anno scolastico 2015-2016. In questo caso l’anno prossimo dovrò fare l’anno di prova sempre in questa sede scolastica in cui sono in servizio oggi? Oppure avrei la possibilità il prossimo anno di sceglierne un’altra (magari se ne renderà disponibile una più vicina a casa)? Grazie anticipatamente.

Congedo parentale per due giorni a settimana

Angela – Cortesemente, vorrei un chiarimento in quanto ho un incarico come docente di sostegno per 18 ore, di cui 9 in una scuola e 9 in un’altra scuola. Per motivi organizzativi mi servirebbe prendere il congedo parentale per due giorni a settimana (sempre gli stessi), Così facendo penalizzerei sempre la stessa scuola dove non andrei mai. Il dirigente potrebbe negarmi questi giorni? O in alternativa,concedendomeli,potrebbe nominare un supplente  per tutto il periodo considerando il fatto che farei una domanda unica a cui allegherei il piano delle assenze? La ringrazio anticipatamente per la Sua gradita risposta e cordialmente La saluto.

Parto prematuro e indennità fuori nomina. Chiarimenti per la scuola

Scuola – Le scriviamo per la risoluzione di un problema che di seguito Le illustriamo: Una docente con contratto a tempo determinato dal 25/01/2014  al 30/06/2014, già in interdizione anticipata per complic. gestazione con e.p.p. al 17/07/2014, partorisce in data 29/04/2014 ed il bambino nato di 28 settimane, per problemi vari, viene trattenuto in ospedale fino al 10/07/2014. La docente viene collocata in astensione obbligatoria dal 30/04/2014 per n.150 gg., fino al 30/06/2014 con contratto e, dal 01/07/2014, con indennità di maternità fuori nomina sino al 27/09/2014. La docente richiede, ai sensi del CCNL 2007 art.12/3, di fruire dell’astensione obbligatoria e relativa indennità di maternità fuori nomina sino al 20/12/2014. Si chiede cortesemente una delucidazione, essendo tale caso piuttosto complicato. La ringraziamo per l’aiuto e La salutiamo cordialmente.

E’ possibile sospendere un periodo di aspettativa perché incinta?

Monia – innanzitutto ringrazio per il prezioso servizio che offrite. Sono una  docente di ruolo nella scuola superiore dal 2000.Quest’anno ho chiesto un anno di aspettativa dal 1settembre 2014 al 31 agosto 2015 per poter seguire le mie 3 figlie ancora piccole. Ora sono nuovamente incinta. E’ possibile sospende in qualche modo l’anno di aspettativa per poter godere dei diritti della gravidanza? Ringrazio di cuore .

Supplenza e congedo parentale: presa di servizio e retribuzione per figlio inferiore a 3 anni

Teresa – Urgenza.  Chissà se riuscite a rispondermi in tempo per domani mattina ho una convocazione per nomina fino al termine dell’anno con gdi nel caso mi toccasse vorrei accettare, ma subito fare domanda di astensione  facoltativa: ho due bimbi, uno sotto l’anno. posso farlo? devo comunque  prendere servizio un giorno?devo dare preavviso? grazie mille.

Anno di prova per la docente in maternità. Chiarimenti.

Paola – Sono entrata di ruolo dal 1 settembre di questo anno. Sono incinta (inizio terzo mese). salute permettendo, vorrei sostenere l’ anno di prova quest’ anno. la data presunta del parto è il nove maggio 2015. se tutto va bene andrei a scuola fino ad inizio febbraio, poi la ginecologa vorrebbe mettermi in astensione ( viaggio in pulmann e la sede non è vicina) e poi inizierei il congedo obbligatorio due mesi prima. 1) è valido quel mese di astensione nel conteggio dei 180 giorni? 2) se sono in astensione o congedo devo seguire i corsi di formazione o ho l’ esonero.  Li devo frequentare l’ anno prossimo? 3) posso discutere la relazione finale anche se sono in congedo obbligatorio? Grazie mille.

Congedo parentale al termine dell’obbligatoria: non è necessaria la presa di servzio

Francesca – Buongiorno , sono una docente a t.i. della secondaria di secondo grado, attualmente in astensione obbligatoria fino al 9/11. Dal 10/11 vorrei far partire i 30 giorni di  astensione facoltativa al 100%, che però vorrei frazionare togliendo le domeniche e il giorno libero in modo da guadagnare due settimane. Ho letto dal forum che nel passaggio dalla obbligatoria alla facoltativa non è necessario prendere servizio e che la facoltativa è frazionabile. La mia domanda è ,nel mio caso volendo frazionare la facoltativa, devo prendere servizio? Glielo chiedo perché mi è stato detto che se voglio frazionare devo prendere almeno un giorno di servizio, ovvero nel mio caso rientrare il 10 e poi richiedere la facoltativa. In attesa di risposta ringrazio e saluto.

Congedo parentale frazionato: quando il sabato e la domenica non devono essere considerati in conto congedo

Anna – Buongiorno volevo avere per favore chiarimenti sull’astensione facoltativa. ..io sono una collaboratrice scolastica di prima fascia. ..ho chiesto astensione facoltativa il giovedì e il venerdì fino alla fine del contratto. La mia segreteria insiste dicendo che devo coprire il sabato e a domenica con astensione facoltativa. …ma io dal lunedì al mercoledì lavoro…in più noi facciamo settimana corta perché facciamo 36h in cinque giorni. ..volevo sapere se ho ragione io o loro…c’è una legge che spiega questo? Così posso portarla a scuola?

Malattia del bambino anche per il supplente a tempo determinato

Valeria – ho ricevuto un incarico di supplenza breve (14 giorni) per una sostituzione malattia. Sono iscritta alla graduatorie di III fascia.  Vorrei sapere se anche per la nostra categoria è prevista la richiesta di giorni di assenza e/permessi di uscita in caso di malattia del bambino. Sono retribuiti? Se sì, al 50 o al 100%? Grazie.