Incompatibilità: Aspettativa legge “Signorello” e altro lavoro

Antonella – Sono un insegnante di ruolo nella scuola dell’infanzia e ho l’abilitazione all’insegnamento nella scuola elementare. Da 3 anni usufruisco dell’aspettativa detta “Signorello”, mio marito lavora nel privato, più precisamente per un agenzia dell’ Unione Europea con sede in Spagna. Sicuramente ci troveremo in questa situazione per i prossimi 5 anni. Prima di arrivare ad una decisione drastica come quella del licenziarmi, vorrei sapere in concreto e non solo attraverso i riferimenti normativi, qual è il mio reale spazio di movimento, cioè se posso svolgere qualche tipo di attività lavorativa. Le chiedo  “in concreto”, perché la settimana  scorsa ho avuto la possibilità di iniziare a lavorare in un progetto di due mesi (almeno per la prima fase), in una scuola italiana in Spagna, e poi è saltato tutto, apparentemente a causa della mia particolare situazione.

Viaggi di istruzione: Il rimborso spese per i viaggi all’estero

Francesca – Sono un insegnante di un liceo linguistico statale. Le scrivo per sapere la sua opinione in merito al rimborso spese per accompagnare gli alunni all’estero per attività contemplate nel pof, quali scambi di classi e stage linguistici. So bene che non esiste più il pagamento della missione, ma penso che sia quanto meno ragionevole pagare vitto e alloggio per gli insegnanti accompagnatori. Sto per partire per uno scambio di classi con la Francia.