Immissioni in ruolo 2017: posti sottratti dai docenti di ruolo assegnati in soprannumero a causa degli errori dell’algoritmo 2016?

Nunzio – Gentilissima redazione, in riferimento all’articolo in oggetto del 14 aprile 2017, è possibile che i docenti immessi in soprannumero dai giudici nelle sedi richieste nella domanda di mobilità straordinaria, vi rimangano occupando i posti che quest’anno saranno disponili per le nuove immissioni in ruolo?  In attesa di una Vs. gradita risposta sentitamente ringrazio.

Immissioni in ruolo: chi garantisce che il posto per il quale ho vinto il concorso ci sarà?

Mariarosaria – Mio figlio ha partecipato al concorso del 2016 indetto per 29 posti nella classe A040 ed è risultato 2^.  Come mai quando vengono pubblicati i risultati del concorso, in Campania vengono solo indicati i vincitori e non i posti messi a concorso. E’ normale indire un concorso per 29 posti e poi farli sparire? In attesa di risposta, ringrazio anticipatamente.

Conseguenze della rinuncia al ruolo da GaE

Calogero – Sono iscritto nelle Gae e nella prima fascia delle graduatorie di istituito in provincie diverse, qualora il prossimo anno non dovessi accettare una proposta di assunzione dalle Gae chiedo se potrò continuare a fare delle supplenze nelle graduatorie d’istituto oppure sarò depennato da tutte e due le graduatorie?? In questo caso direi addio definitivamente all’insegnamento oppure c’è una seconda strada??
Grazie Lalla per il tuo prezioso servizio.

Immissioni in ruolo 2015 sono definitive, esiti inserimenti in GaE abilitati TFA/PAS non riguardano docenti già di ruolo

Giacomo – Vi scrivo a nome di numerosi insegnanti toscani entrati in ruolo a dicembre 2015 grazie al piano di straordinario di assunzioni della Buona Scuola, che guardano con crescente preoccupazione all’esito dei ricorsi da voi patrocinati per l’inserimento in GAE di tutti gli abilitati, le cui pronunce si attendono entro dicembre.

Ho rinunciato a proposta immissione in ruolo 2015, non sono più nelle Graduatorie ad esaurimento delle altre classi di concorso

Brigida – Sono una docente che ha rinunciato all’immissione in ruolo nella scuola primaria nella città di cagliari, rinuncia fortemente sofferta per le complicate organizzazioni dello spostamento in un’ isola difficilissima da raggiungere per i collegamenti non giornalieri anche dalla vicina Sicilia da cui provengo con famiglia anch’essa da organizzare con costi incomparabili alle reali possibilità economiche provenienti da uno stipendio da docente.

Assunzioni. Rinuncia a ruolo da GM infanzia 2012 comporta depennamento anche da GaE

Michela – Sono un’idonea del concorso infanzia 2012 e ricorrente come diplomata magistrale per inserimento in Gae, in attesa di sentenza definitiva, quindi non ancora inserita.Volevo sapere:facendo la domanda volontaria per la fase nazionale, cosa accadrebbe se si rinunciasse, oltre ad essere depennati da GM 2012 che decadrà in ogni caso al termine delle operazioni, per inserimento in Gae? Sarebbe compromesso anche questo? Grazie.

Ferie per il personale che ha differito la presa di servizio. Chiarimenti per il Dirigente

Dirigente – Nel nostro istituto sono in servizio tre docenti che il 01/09 sono stati immessi in ruolo in un’altra provincia nella fase B, ma hanno scelto di stipulare un contratto a tempo determinato due al 30/06 con differimento della presa di servizio al 01/07 e uno al 31/08, con differimento della presa di servizio il 01/09/2016, così come previsto dall’art. 1, comma 99 della legge n. 107/2015. Come devono essere considerati questi docenti per quanto riguarda la fruizione delle ferie, ma soprattutto i permessi retribuiti e quant’altro, come personale di ruolo a tutti gli effetti o no? Se vanno considerati a tempo determinato, dal monte ferie bisogna detrarre le sospensioni delle attività didattiche per chi termina al 30/6 e anche per chi termina al 31/08?  Si ringrazia anticipatamente.

Rinuncia al posto del concorso e permanenza in GAE

Sebastiano – Sono un docente della classe di concorso A-45 scienze economiche aziendali rimasto in GAE poiché, per motivi personali che mi impediscono un trasferimento, non ho presentato domanda nell’agosto 2015, per paura di essere costretto alla rinuncia della proposta e di conseguenza depennato. Adesso mi domando se, nel caso risultassi vincitore del concorso ma dovessi rifiutare una delle sedi disponibili, continuerò a rimanere nelle GAE nonostante la rinuncia, con la certezza di avere un’ulteriore proposta nel futuro, oppure risulterei depennato come sarebbe stato nel caso di rinuncia nelle fasi di quest’estate. Ringrazio per l’attenzione.

Idoneo del concorso 2012 che non ha presentato domanda di assunzione 2015. Ci sono ancora possibilità per il ruolo?

Mauro – Ciao Lalla, sono un idoneo del concorsone 2012. Purtroppo ho saputo in ritardo (scadenza 14/08/2015) della possibilità di fare domanda per immissione in ruolo fasi B-C riservata agli “idonei “. Vorrei sapere se, e, quale strada è possibile intraprendere per non buttare via il risultato raggiunto. Cordiali saluti

Immissioni in ruolo 2016/17: 50% da concorso e 50% da GaE

Carmelina – Avrei bisogno di un’ informazione; ho l’abilitazione per l’insegnamento nella scuola secondaria superiore, nell’anno 2015, per un disguido informativo, non ho fatto domanda per l’immissione in ruolo, Vi chiedo, gentilmente, se potete fornirmi indicazioni in merito alla mia situazione e se c’è ancora possibilità di passare in ruolo senza dover fare il concorso. Sono inserita nelle graduatorie ad esaurimento, per la classe di concorso A036, (attualmente A18) della città di Torino. Vi ringrazio anticipatamente per l’aiuto che potete fornirmi.

Conseguenze rinuncia ruolo da concorso a cattedra

Insegno in una scuola privata. Vi scrivo per avere, se possibile, un chiarimento sull’imminente concorso: chi lo dovesse passare e non accettare l’entrata in ruolo verrà preclusa anche la possibilità di accedere a supplenze (di qualsiasi durata) nello Stato? Se si rifiutasse la cattedra, ci si preclude per sempre la possibilità di entrare in ruolo nella scuola pubblica?

Assunta in fase C: nessuno sa cosa farmi fare perchè non ho competenze specifiche

Anna – Sono una A076 immessa in ruolo con la fase C. Nessuno sa cosa farmi fare perché non ho competenze specifiche. Vengo considerata parassita e ogni compito affidato viene revocato. Sono stata destinata ad un polo in cui nn si insegna la mia materia. Cosa posso fare? Oppure come faccio a licenziarmi. Grazie in anticipo per la consulenza.

Anche i docenti di fase C sono di ruolo e quindi esclusi dalla partecipazione al concorso a cattedra 2016

Luca – Gent.mi, vi scrivo per porre il seguente quesito: è possibile che per i docenti della fase C che hanno differito la presa di servizio in ruolo al 1/7/2016 ci sia la possibilità di partecipare al concorso per una diversa cdc? In fondo il contratto di nomina in ruolo non sarà ancora prodotto all’uscita del bando. Ringraziando per la cortese attenzione auguro a tutta la redazione di Orizzonte Scuola un felice 2016.

Docente assunto con concorso 2016. Nel 2018/19 potrebbe essere costretto a cambiare ambito territoriale?

Luca – La 107/2015 comma 114 indice il concorso docenti che in molti aspettiamo al fine di assumere a tempo indeterminato. Salvo novità dell’ultima "ora", i vincitori hanno la possibilità di ricevere un incarico da settembre 2016 fino al massimo all’a.s. 2018/19. Supponiamo che il vincitore ottiene di insegnare entro qs triennio in una scuola dell’ambito territoriale assegnato perché il PTOF prevede il suo insegnamento, ma non gli viene assegnato come cattedra di diritto, ma come potenziamento.

Organico di potenziamento e orario settimanale

Ornella – Sono stata immessa in ruolo nella scuola primaria durante la fase C. Nel prospetto dell’orario settimanale sono state inserite 12 ore di lezione e 10 ore di disponibilità per eventuali sostituzioni: nel caso non ci fossero sostituzioni, dovrei "aiutare" qualche insegnante in classe laddove ci fosse bisogno… Questa articolazione dell’orario settimanale è prevista dalla legge? Grazie.

Utilizzo docenti primaria neoassunti fase C nella secondaria di I grado

Cecilia – Sono stata assunta in fase c nella scuola primaria, ho scelto come sede un istituto comprensivo nel quale all’interno dello stesso edificio ci sono classi di scuola primaria e classi di scuola secondaria di primo grado, in questo istituto la richiesta di insegnanti potenziatori era di tre insegnanti di scuola superiore di primo grado e un insegnate di scuola primaria ma gli insegnanti nominati sono tre di primaria e uno di secondaria, quindi esattamente il contrario del fabbisogno richiesto, a causa di ciò, il dirigente e i responsabili dei due ordini di scuola hanno pensato bene di assegnarmi 12 ore alla primaria e 12 ore alla secondaria (nella secondaria come supporto ad un ragazzo con problemi comportamentali), premetto che sono in possesso solo dell’abilitazione di scuola primaria, non sono laureata e non possiedo ne titoli di sostegno ne abilitazione per la secondaria. VI CHIEDO SE E’ POSSIBILE UTILIZZARE DOCENTI DI PRIMARIA NELLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO? Vi ringrazio anticipatamente per la vostra risposta, distinti saluti.