Vincolo quinquennale su sostegno: non si applica per soprannumerari trasferiti a domanda condizionata da posto comune a sostegno

Anna – Sono una docente soprannumeraria su posto comune. Ho compilato la domanda condizionata inserendo tra le preferenze sia posto comune che sostegno. Per quest’ultimo e’ previsto l’obbligo del quinquennio prima di ritornare su posto comune? Ringrazio per l’attenzione

Trasferimento da sostegno a posto comune nella stessa scuola: cambia tipologia di posto di titolarità e si perde la continuità

Francesca  – Sono docente di scuola dell’infanzia. Scrivo per chiedere una delucidazione sul punteggio della graduatoria interna d’istituto. Dopo 5 anni di servizio di ruolo su posto di sostegno sono passata su posto comune sempre nello stesso istituto comprensivo. In questo caso perdo la continuità dei 5 anni del sostegno? La ringrazio per la risposta. Cordiali saluti

Istituto di Istruzione Superiore (IIS) e organico unificato: graduatoria interna unica per ogni classe di concorso

Sono docente di ruolo di scuola secondaria di 2° grado, con 43 anni di servizio. La sede centrale è in un comune, altre due sedi associate in altri due comuni diversi (ciascuna scuola ha un suo codice meccanografico diverso). Quest’anno il dirigente ha comunicato di volere fare un’unica graduatoria di istituto per ciascuna classe di concorso, invece sino allo scorso anno ha fatto tre graduatorie, una per ciascun istituto. E’ cambiata la normativa o è facoltà del dirigente? Ringraziando porgo cordiali saluti

Cattedre Orario Esterne: potranno essere costitute solo con scuole dello stesso ambito

Silvia – Sono titolare alla secondaria con solo dieci ore di francese in una scuola in ambito Nord. Completo le restanti 8 ore in ambito Sud in un paese limitrofo al comune X dove ho la sede di titolarità. Visto che con la 107 i due ambiti Nord e Sud non possono più coesistere, ti chiedo dove e come potrei completare le restanti ore? Considera che in ambito Nord ho verificato non esserci altre ore della mia materia. Potrebbero cambiarmi la sede di titolarità o addirittura la cattedra? Grazie.

Domanda condizionata: per presentarla oltre i termini il docente deve essere dichiarato soprannumerario

Giuliana – Sono un insegnante di ruolo da diversi anni. Quest’anno sbuca all’orizzonte la possibilità di perdere delle ore nella mia scuola. La domanda è: si viene dichiarati perdente posto anche se si perdono parte delle 18 ore? ( forse 6 ore nella migliore delle ipotesi solo 3). Ossia potrei avere  la possibilità di fare domanda di mobilità condizionata ? Grazie in anticipo

Trasferimento e ricongiungimento familiare : non è previsto punteggio per il convivente

Chiara – Gentilissimi consulenti,  sono una docente che ha presentato domanda di trasferimento su scuole nel mio comune di residenza, chiedendo il ricongiungimento al mio convivente ivi residente  all’atto della presentazione della domanda, da 10 anni . Vorrei porvi un quesito: nel caso il mio convivente, dopo la data di scadenza di  presentazione della domanda, chiedesse un cambio di residenza in un comune limitrofo,  tale cambiamento pregiudicherebbe in qualche modo la possibilità di ottenere il punteggio per ricongiungimento? Risulterebbe come un’attestazione del falso?  Grazie anticipatamente.

Docente soprannumerario: non è obbligato a presentare domanda condizionata

Salvatore –  Volevo chiedere delucidazioni in merito ad una questione. Io ho già inoltrato domanda di trasferimento interprovinciale volontaria ( II grado posto comune)perché non voglio rimanere nell’ attuale provincia di titolarità.  Se risultassi sovrannumerario, ancora non lo so, nell’ attuale sede di titolarità  sono costretto a fare una nuova domanda di mobilità condizionata o no? E se non la facessi cosa potrebbe accadere? Grazie mille per la gentilezza e la professionalità con cui operate.

Mobilità e classi di concorso: si devono utilizzare i nuovi codici

Sara – Vi chiedo aiuto per un problema che ho incontrato: io vorrei fare il passaggio di ruolo, dalla A043 alla A050 e A051 cioè licei e istituti tecnici, ma mi sono accorta che mi dà la possibilità di passaggio di cattedra e non di ruolo e infatti non escono le mie classi di concorso…cosa significa? Ho sbagliato qualcosa o c’è stato un errore su istanze online? Grazie

Punteggio di continuità: non si valuta l’anno scolastico di immissione in ruolo su sede provvisoria

Maria – Sono una insegnate di scuola primaria assunta in ruolo nell’A.S.1999/2000 ma era l’anno di prova. Superato l’anno di prova ho dovuto, come tutti,  fare domanda per avere la titolarità su cattedra è sono rimasta nell’Istituto in cui stavo e che avevo chiesto come prima scelta. Quindi la domanda è: devo calcolare per la continuità nello stesso Istituto tutti e 17 gli anni di ruolo (dato che non mi sono mai spostata) o 16 dato che il primo anno era di prova? Grazie

Punteggio figli minori: si attribuisce in base all’età, 6 o 18 anni compiuti entro 31 dicembre 2017

Lucrezia – Sono una docente della scuola dell’infanzia, avrei bisogno di un chiarimento per la corretta compilazione della domanda di mobilità. In particolare ho una figlia che ha compiuto 6 anni il 28 settembre 2016. Orbene, essendo stati compiuti nell’anno scolastico in corso, posso richiedere i 4 punti? Grazie

Docente Titolare su una Cattedra Orario Esterna: può chiedere trasferimento nella scuola di completamento

Franco  – Sono neoimmesso in ruolo su una scuola A dove svolgo 16 ore per mancanza di classi e dunque ho il completamento dell’orario (restanti 2 ore) in una scuola B. Nella domanda di trasferimento posso richiedere tra le preferenze la scuola B ove svolgo il completamento orario? Grazie. Distinti Saluti

Cattedra Orario Esterna: la sede di completamente potrebbe essere anche un corso serale

Renzo – Gentilissimi, nella domanda di mobilità barrando l’opzione COE si verrà accontentati per una delle 5 scuole scelte, ma il completamento potrebbe prescindere da esse, pur restando nel medesimo ambito. Il completamento potrà essere disposto su scuola serale anche se il docente non ha dato disponibilità per tale tipo di posti barrando l’apposita casella? Grazie

Docente titolare su scuola: non deve presentare nessuna domanda per confermare la sede di titolarità

Chiara – Sono entrata in ruolo, in fase 0, a settembre 2015. Ho fatto il mio anno di prova in un Istituto superiore. L’estate scorsa mi è stata assegnata come scuola di titolarità (essendo stata assunta in fase 0), un altro Istituto, dove lavoro attualmente.  Dato che intendo restare in questa scuola, leggendo la normativa, ho capito che non devo presentare domanda di mobilità. La segreteria della scuola mi ha però detto che forse devo presentare domanda anche io per confermare questa sede.  Chi ha ragione? La ringrazio!

Vincolo triennale: in assenza di deroga, si valuta per la permanenza nella provincia di immissione in ruolo

M.G. –  Ammettiamo il caso in cui io resti per 3 anni nella scuola in cui sono stato immesso in ruolo. Dovessi poi chiedere trasferimento e andare in un’altra scuola di un’altra provincia, avrei di nuovo il vincolo triennale da rispettare? Una volta assolto il vincolo triennale a partire dall’immissione in ruolo, potrei chiedere domanda di trasferimento ogni anno? Grazie

Cattedra di potenziamento: se non confermata nel successivo triennio potrebbe determinare contrazione nell’organico della scuola

Elisabetta – Gentile redazione di Orizzonte Scuola vi scrivo da parte di una mia collega.
La collega in questione è stata assunta in fase A come potenziamento in musica presso la scuola secondaria di primo grado, vorrebbe capire se alla fine dei tre anni, rimane titolare su scuola o su ambito.

Cattedre per la mobilità: saranno quelle vacanti nell’organico dell’autonomia delle diverse istituzioni scolastiche

Francesco –  Sono un insegnate di scuola secondaria di primo grado. Una cattedra di matematica, che si completerà a partire dal prossimo anno scolastico causa formazione di una nuova prima, può andare su trasferimento o per il primo anno è più probabile che venga utilizzata per le assegnazioni provvisorie? Ringrazio anticipatamente, cordiali saluti.

Punteggio titoli: non è prevista nessuna valutazione per le pubblicazioni scientifiche

C.G. – Sono un’insegnante di ruolo di matematica dall’anno 2000, vorrei sapere se una pubblicazione scientifica sulla matematica e la didattica online, specificamente sulla gazzetta del ARMT (associazione internazionale rally matematico transalpino ) sia in lingua italiana che in lingua francese, possa essere un titolo valutabile ai fini dell’inserimento del punteggio nella graduatoria d’istituto. Quest’anno ho visto che nella tabella dei titoli valutabili, alla sezione II Titoli Generali è indicata la voce “per ogni promozione di merito distinto” punti 3 per cui chiedo se quest’ultima contempla il caso di pubblicazioni scientifiche. In attesa di una vostra gentile risposta saluto cordialmente.