Rientro del docente dopo il 30 aprile: come si contano i 90 gg. di assenza nelle classi terminali?

Docente – sono un docente supplente in una scuola secondaria di secondo grado. Il docente titolare è assente dal 02/02 e continuerà ad esserlo fino al 31/05. L’articolo 37 del C.C.N.L. asserisce che “… Per le medesime ragioni di continuità didattica il supplente del titolare che rientra dopo il 30 aprile è mantenuto in servizio per gli scrutini e le valutazioni finali. Il predetto periodo di centocinquanta giorni è ridotto a *novanta nel caso di docenti delle classi terminali*.” Nel mio caso, quindi, il docente titolare risulterà assente in modo continuativo per oltre *novanta giorni.* La mia domanda è questa: avendo classi terminali, il docente titolare rientrerebbe a disposizione oppure rientrerebbe solo sulle classi non terminali?

Paolo Pizzo – Gentile docente,

per il calcolo dei 150/90 giorni non si tiene conto della data del 30 aprile (cioè contare i giorni di assenza fino al 30 aprile), ma della data di termine dell’assenza del titolare (cioè dopo il 30 aprile).

Pertanto se il giorno di rientro del titolare è previsto per il 31 maggio bisogna contare a ritroso 150 giorni (o 90 se classi terminali) a partire da tale data, non quindi a partire dal 30 aprile.

Nel tuo caso quindi devi andare a ritroso di 90 gg. dal 31/5 al 02/02.

La titolare rientrerà quindi a disposizione nelle classi non terminali (non essendoci l’assenza dei 150 gg.) ma non in quelle terminali in cui rimarrai tu per continuità didattica.

ads ads