Malattia bambino intervallata dal giorno “libero”. Chiarimenti per la scuola

Scuola – Una docente di scuola primaria è assente dal 04/11/2015 al 06/11/2015 per malattia figlio X  inferiore ai tre anni. È successivamente assente dal 09/11/2015 al 10/11/2015 per malattia figlio Y inferiore ai tre anni. La docente ha giorno libero sabato 07/11/2015.  Si chiede se dobbiamo computare nell’assenza anche il sabato e la domenica trattandosi dello stesso istituto giuridico,  ma usufruito per figli diversi (2 gemelli inferiori ai 3 anni), o se si possono tenere distinti i periodi senza computare il sabato e la domenica. Ringraziando per la risposta si inviano distinti saluti. La Segreteria.

Paolo Pizzo – Gentile scuola,

l’art 12/6 del CCNL/2007 dispone che i periodi di assenza di cui ai precedenti commi 4 e 5 [congedo parentale e malattia per il figlio], nel caso di fruizione continuativa, comprendono anche gli eventuali giorni festivi che ricadano all’interno degli stessi. Tale modalità di computo trova applicazione anche nel caso di fruizione frazionata, ove i diversi periodi di assenza non siano intervallati dal ritorno al lavoro del lavoratore o della lavoratrice.

Lo stesso principio, richiamato da diverse note dell’INPS e della FP, si applica anche quando la scuola adotta la settimana corta (il giorno quindi di chiusura è paragonato a quello festivo).

Nel caso in questione, invece, a mio avviso tale normativa non può essere applicata perché il sabato non è in questo caso “festivo” oppure “settimana corta”, ma giorno libero del docente. Giorno che si configura come lavorativo.

Pertanto non si può cumulare nell’assenza al pari della domenica.

ads ads