Supplenza ATA: come valutare i giorni festivi interposti fra due certificati di malattia

Maria – Gentili esperti di Orizzontescuola, sono un assistente amministrativa impegnata in una supplenza.L’assenza della titolare per malattia, giustificata da certificato medico, è iniziata 7 gg prima delle festività natalizie e continua 7 gg dopo la ripresa dell’attività scolastica, lasciando scoperto da certificato medico solo il periodo dal 25 al 27 dicembre (giorni festivi).Preciso che ho preso servizio il giorno 12/12/2015 fino al 24/12/2015 successivamente ho ripreso servizio dal giorno 7/01/2016 a tutt’oggi.Vorrei sapere:

a) la titolare può lasciare scoperto da certificato medico i gg 25-26-27 dicembre?

b) come deve essere formalizzato il mio contratto, deve comprendere il periodo dal 25/12/2015 al 6/01/2016?

GrazieDistinti Saluti Maria

di Giovanni Calandrino – Gentilissima Maria, la nota prot. n. 108127 del 15/6/1999 della Ragioneria Generale dello Stato chiarisce che, i giorni festivi interposti senza soluzione di continuità tra due periodi di malattia giustificati da due separati certificati che non lo contemplino sono comunque da considerare assenza per malattia e si cumulino con i periodi inclusi nei certificati stessi.

Pertanto i giorni festivi di 25-26-27 dicembre sono considerati a tutti gli effetti malattia, anche se non sono indicati nel certificato.

Inoltre ha diritto al riconoscimento giuridico-economico dell’intero periodo di sospensione, in riferimento all’art. 60 comma 1 CCNL 2007 qualora il titolare si assenti (con unica richiesta di assenza o con più richieste presentate in successione) a decorrere da data anteriore di almeno 7 giorni dall’inizio di un periodo predeterminato di sospensione delle lezioni e fino a una data non inferiore a 7 giorni successivi a quello di ripresa delle lezioni, il rapporto di lavoro a tempo determinato nei riguardi del supplente temporaneo venga costituito per l’intera durata dell’assenza, includendovi, quindi, anche il periodo sospensivo delle lezioni.

ads ads