Trasferimento su specifica scuola: il docente non sarà interessato da chiamata diretta e incarico triennale

Graziella – Sono entrata in ruolo, con titolarità su ambito, nel 2015 con la legge  107. Ho partecipato alla mobilità provinciale 2017/2018 ed ho ottenuto l’agognato trasferimento da ambito a scuola.  Nella tabella di tale mobilità provinciale si legge per me ed altri, provenienti da ambito, “incaricato su scuola”, per altri, provenienti da scuola, “titolare su scuola”. Non è dunque vero, come leggevo sul vostro sito, che il trasferimento su scuola avrebbe annullato  per sempre la titolarità su ambito? Mi devo aspettare di firmare il 1° Settembre un altro contratto triennale? Vi ringrazio di cuore per il sostegno che vorrete darmi.

Giovanna Onnis – Gentilissima Graziella,

quanto hai letto su OrizzonteScuola è corretto.

Con il trasferimento su scuola, infatti, la tua titolarità è cambiata e non risulti più titolare in un ambito territoriale, pertanto non dovrai sottoporti alla chiamata diretta e non sarai coinvolta nell’incarico triennale.

La dicitura  da te citata, inserita nel tabulato dei trasferimenti, riguarda la situazione di partenza del docente, cioè la sua titolarità prima di ottenere il movimento richiesto e per te, chiaramente, non poteva essere indicato altro in quanto nel momento in cui hai presentato la domanda di trasferimento eri titolare su ambito con incarico triennale su una specifica scuola.

A conferma di quanto detto, puoi  controllare i tabulati e l’intestazione della colonna alla quale ti riferisci, dove viene esplicitamente indicato che viene riportata nella colonna sottostante   la “tipologia di personale prima della mobilità”.

Non devi , quindi, preoccuparti in quanto, con il trasferimento ottenuto per il prossimo anno scolastico 2017/18, risulti titolare su scuola e non dovrai  firmare nessun incarico triennale che riguarderà esclusivamente i docenti con titolarità su ambito

 

Posted on by nella categoria Mobilità, Varie
Versione stampabile
ads ads