Assegnazione provvisoria per docente in anno di prova: può essere chiesta solo nel grado di istruzione di titolarità

Chiara – Sono una vincitrice del concorso 2016 classe di concorso scuola dell’infanzia e appena immessa in ruolo in una provincia diversa da quella di residenza, quest’anno dovrei svolgere l’anno di prova ma qualora per motivi familiari non dovessi farcela potrei chiedere il prossimo anno assegnazione provvisoria su posto comune e /o su sostegno (possedendo anche la specializzazione)  e svolgere l’anno di prova?  Grazie

Giovanna Onnis – Gentilissima  Chiara,

se le regole da seguire per la richiesta di assegnazione provvisoria rimarranno invariate, la risposta al tuo quesito è affermativa.

In base a quanto prevede il CCNI relativo alla mobilità annuale per il prossimo anno scolastico 2017/18, non aver effettuato l’anno di prova non rappresenta un impedimento per chiedere assegnazione provvisoria.

L’unico vincolo da rispettare, in questa situazione, è quello riguardante il grado di istruzione richiesto che, per il docente che deve ancora superare l’anno di prova, deve essere esclusivamente quello di titolarità.

Il riferimento normativo è l’art.7 comma  7 del citato CCNI, che sarà necessario verificare se confermato anche nel prossimo contratto, e che stabilisce quanto segue:

“Non sono consentite assegnazioni provvisorie per grado di istruzione diverso da quello di appartenenza nei confronti del personale che non abbia ottenuto la conferma in ruolo per l’anno scolastico 2017/18”

 

Posted on by nella categoria Assegnazioni/Utilizzazioni
Versione stampabile
ads ads