Cattedra Orario Esterna: deve essere attribuita sempre al docente in coda nella graduatoria interna di istituto?

M.C. – Sono una docente  di francese titolare da 8 anni in una scuola con cattedra interna completa fino allo scorso anno scolastico 2016-2017.  Premetto che lo scorso anno è arrivata come trasferimento una collega di francese che ha preso le spezzone di 12 ore con il relativo completamento in un’altra scuola. Ora a settembre per lei sarà il suo secondo anno in questa scuola e la Preside mi ha comunicato che siccome ho meno punti di lei sono ultima in graduatoria e toccherà a me prendere la cattedra con il completamento orario.

Ora voglio chiedere se questa procedura è corretta, perché mi è stato detto che non c’entra il punteggio interno. La collega potrà avere una cattedra oraria interna completa solo se si formano le ore necessarie. E’ vero? Non trovo una normativa che avvalli questa cosa… Mi sapere indicare quale normativa è? Non posso andare dalla mia Dirigente solo perché ho sentito dire. Cordiali saluti.

Giovanna Onnis – Gentilissima M.C.,

se la tua collega è arrivata nella scuola in seguito a trasferimento volontario, significa che nella domanda ha espresso la volontà di essere trasferita anche su Cattedra Orario Esterna.

Se la mia ipotesi è corretta, la dirigente scolastica commette un errore se attribuisce la COE in base alla posizione occupata dai docenti nella graduatoria interna di istituto.

Il docente trasferito con movimento volontario  su una COE potrà, infatti, negli anni scolastici successivi al trasferimento, lavorare nella scuola di titolarità in una COI, se questa cattedra, prevista nell’organico, risulterà priva di titolare.

Se invece non si costituirà una cattedra interna, il docente,rimarrà sulla COE, anche se nella graduatoria interna per l’individuazione dei docenti soprannumerari occuperà una tra le prime posizioni.

Questo in sintonia con quanto prevede l’art.11 commi 2 e 3 del CCNI sulla mobilità 2017/18, dove si chiarisce quanto segue:

2.Il docente titolare su cattedra articolata su scuole diverse, ove nella prima delle scuole si liberi una cattedra, sarà automaticamente assegnato su questa ultima cattedra.

3.Tali operazioni avverranno a condizione che la cattedra, prevista nell’organico, sia priva di titolare. Non sono necessari a tal fine ulteriori provvedimenti da parte dell’ufficio territorialmente competente.

Il punteggio nella graduatoria interna è invece determinante per salvaguardare la titolarità del docente nel caso di contrazione nell’organico della scuola che determina la trasformazione di una COI in COE, come stabilisce il comma 7 del succitato art.11:

Qualora, a seguito di contrazione di ore nell’organico di diritto, si costituisca ex novo una cattedra orario con completamento esterno da assegnare ad uno dei docenti già titolari nella scuola ed in servizio su cattedra interna nel corrente anno scolastico, tale assegnazione avrà carattere annuale e dovrà avvenire tenendo conto della graduatoria interna d’istituto aggiornata con i titoli posseduti al successivo 31 agosto tenendo conto delle successive disposizioni riferite ai titolari trasferiti dal successivo 1° settembre e con la precisazione di cui all’art. 13, comma 3, lett. c del presente contratto. In presenza di più richieste volontarie, avanzate da docenti interessati a ricoprire la cattedra orario esterna, la definizione delle modalità e dei criteri di applicazione delle precedenze art. 13 c. 1 del presente contratto o di altre agevolazioni di legge (ad es. tutela delle lavoratrici madri) dovrà essere definita in tempo utile dalla contrattazione d’istituto”

Nel tuo caso, mi sembra di capire che l’organico per il prossimo anno scolastico sia confermato, con una COI e una COE, quindi quest’ultima deve essere attribuita alla tua collega, anche se ha punteggio superiore al tuo nella graduatoria interna di istituto, in quanto è su questa cattedra orario esterna che ha ottenuto il trasferimento volontario nella scuola

Posted on by nella categoria Varie
Versione stampabile
ads ads