Cattedre in organico: nella scuola secondaria è possibile ripartire le ore complessive di una classe di concorso, creando cattedre con meno di 18 ore?

Domenico – Vorrei sapere se la scuola può decidere, in maniera autonoma, di personalizzare il quantitativo delle ore da assegnare alle singole cattedre all’interno della stessa classe di concorso. In questo modo aumenta il numero di cattedre a sfavore delle ore per ogni cattedra e quindi il corrispettivo stipendio dell’insegnante. Faccio un esempio per rendere chiaro il concetto, se nell’anno X ho 2 cattedre, una da 18 ore e una da 14 ore e nell’anno X+1 so di avere le stesse ore, posso io scuola decidere di aumentare il numero di cattedre a parità di ore? Grazie e cordiali saluti

Giovanna Onnis – Gentilissimo Domenico,

quanto da te ipotizzato non è assolutamente possibile.

Le cattedre vengono costituite in organico dall’Ufficio Scolastico Provinciale, quindi non è competenza del Dirigente scolastico

Parlando di scuola secondaria le cattedre devono essere tutte di 18 ore e così vengono inserite nell’organico delle scuola da parte dell’USP.

In caso di contrazione non c’è più una cattedra, ma uno spezzone che può essere combinato con uno spezzone orario di un’altra scuola per costituire una Cattedra Orario Esterna salvaguardando la titolarità del docente, oppure, in assenza di ore esterne  per il completamento, rimane uno spezzone con il quale il docente non conserva la titolarità e, conseguentemente risulterà soprannumerario.

Nel caso da te indicato nella scuola non vi sono due cattedre, ma una cattedra (18 ore) e uno spezzone (14 ore).

Non è ammissibile, quindi, ripartire le ore complessive (18 + 14) tra due cattedre che sarebbero, in tal modo di 16 ore, quindi non in sintonia con quanto dispone la normativa

Posted on by nella categoria Varie
Versione stampabile
ads ads