Il padre può fruire della malattia bambino se la madre è in congedo di maternità?

Dirigente scolastico – un collaboratore scolastico chiede congedo parentale malattia figlio 1-3 anni per  il  figlio nato il 24/07/2017 la moglie assistente amministrativa è in astensione obbligatoria per puerperio per lo stesso figlio  queste assenze sono compatibili? come viene retribuito il congedo parentale per malattia figlio? Si ringrazia per la collaborazione e si chiede per cortesia una risposta urgente.

Paolo Pizzo – Gentile Dirigente,

l’art. 47 del T.U. 151/01 definisce la disciplina relativa ai congedi per malattia del figlio, confermando l’estensione, fino agli otto anni di vita del bambino, del limite di fruizione degli stessi.

In particolare, fino a tre anni del bambino (compreso il giorno del terzo compleanno) le assenze possono essere illimitate, mentre oltre i tre anni e fino agli otto (compreso il giorno dell’ottavo compleanno) è fissato un limite individuale di cinque giorni lavorativi all’anno per ciascun genitore.

Quest’ultimo limite non può essere superato, anche nel caso in cui uno dei due genitori non usufruisca in tutto o in parte dei propri cinque giorni e deve intendersi riferito a ciascun figlio (spettano quindi periodi di cinque giorni per ognuno dei bambini di età superiore ai tre anni e fino agli otto).

Entrambi i genitori hanno quindi diritto, alternativamente, di astenersi dal lavoro in caso di malattia del bambino. Il congedo spetta al genitore richiedente anche qualora l’altro genitore non ne abbia titolo o non ne possa usufruire (come il caso in esame).

Per ciò che riguarda la retribuzione, nei primi trenta giorni di assenza in ciascuno dei primi tre anni di vita del bambino spetta l’intera retribuzione fissa mensile nonché il trattamento accessorio al pari delle assenze a titolo di congedo di maternità, fermo restando che tale limite deve essere inteso in senso cumulativo fra i due genitori.

Pertanto, il dipendente ha diritto alla fruizione del congedo per malattia bambino anche quando la madre è in congedo di maternità, ricordo infatti che l’unica limitazione in queste situazioni riguarda i riposi per allattamento laddove è previsto che il padre lavoratore non ne può usufruire nel caso in cui la madre si trovi in congedo di maternità o parentale per lo stesso figlio.

Si ricorda infine che  la richiesta dovrà essere corredata dal certificato di malattia del bambino rilasciato da un medico specialista del Servizio Sanitario Nazionale o con esso convenzionato e che i congedi per malattia del figlio non sono soggetti alle disposizioni sul controllo della malattia del lavoratore, non potendosi quindi richiedere l’accertamento medico di controllo nei confronti del bambino.

Posted on by nella categoria Maternità e Paternità
Versione stampabile
ads ads