Bonus 500 euro 2017/18: spetta anche ai docenti in aspettativa non retribuita

Maria Teresa – Sono una docente di ruolo nella scuola primaria e desidero porre un quesito circa la fruizione del bonus 500 per l’aggiornamento professionale relativamente all’anno scolastico 2017/2018 e precisamente se posso utilizzarlo o meno (l’importo mi è già stato accreditato), considerato che, per motivi di salute, sono stata costretta a  chiedere un periodo di aspettativa non retribuita dal 1° settembre 2017. Suppongo sia necessario ed utile che il docente possa continuare il proprio aggiornamento professionale, a prescindere da una temporanea assenza dall’attività didattica. Nel porgere cordiali saluti, ringrazio anticipatamente per la gentile risposta.

Giovanna Onnis – Gentilissima Maria Teresa,

non ci sono impedimenti per l’utilizzo da parte tua del bonus di 500 euro relativo al corrente anno scolastico 2017/18, importo che risulta già spendibile in quanto, come dichiari, ti è stato già accreditato nel borsellino elettronico della piattaforma ministeriale “Carta del Docente”.

La stessa normativa , rappresentata dal DPCM 28 novembre 2016, stabilisce, nell’art.3 comma 1, che “la Carta è assegnata ai docenti di ruolo a tempo indeterminato delle Istituzioni scolastiche statali, sia a tempo pieno che a tempo parziale, compresi i docenti che sono in periodo di formazione e prova, i docenti dichiarati inidonei per motivi di salute di cui all’articolo 514 del decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, e successive modificazioni, i docenti in posizione di comando, distacco, fuori ruolo o altrimenti utilizzati, i docenti nelle scuole all’estero, delle scuole militari”

Il bonus ti è stato accreditato e risulta quindi disponibile per essere da te utilizzato nel rispetto della normativa vigente, senza alcuna limitazione in relazione al fatto che sei in aspettativa.

D’altronde, come tu stessa sostieni, la tua aspettativa è temporanea e questo non impedisce che, in qualità di docente, anche tu abbia la necessità e il diritto alla formazione e all’aggiornamento professionale usufruendo del bonus che spetta a tutti i docenti

Gli unici docenti ad essere esclusi dalla possibilità di usufruire del bonus sono coloro che hanno avuto una sospensione per motivi disciplinari, come chiarisce l’art.9 comma 3 del succitato DPCM:

“Nel caso in cui il docente sia stato sospeso per motivi disciplinari e’ vietato l’utilizzo della Carta e l’importo di cui all’articolo 2, comma 1, non può essere assegnato nel corso degli anni scolastici in cui interviene la sospensione. Qualora la sospensione intervenga successivamente all’assegnazione dell’importo, la somma assegnata e’ recuperata a valere sulle risorse disponibili sulla Carta e, ove non sufficienti, sull’assegnazione dell’anno  scolastico di ripristino del beneficio.[…]”

Posted on by nella categoria Bonus 500 euro
Versione stampabile
ads ads