Personale ATA: Riposo per allattamento per chi usufruisce della riduzione a 35 ore settimanali

Scuola – Nel nostro Istituto abbiamo un collaboratore scolastico che usufruisce dell’allattamento (riduzione oraria giornaliera di n. 2 ore) e svolge il servizio con turnazione ha diritto alla riduzione oraria delle 35 ore? Ufficio Risorse

di Giovanni Calandrino – Gentile Scuola, l’art. 39 del D. Lgs. n. 151/2001, afferma che, per tutte le lavoratrici sia del settore privato che per il pubblico impiego, indipendentemente dalla tipologia del rapporto di lavoro, stabilisce che la madre, dopo aver fruito del congedo di maternità, e fino al compimento del primo anno del bambino (o entro il primo anno di ingresso in famiglia del minore adottato o affidato), ha diritto a fruire di riposi giornalieri retribuiti.

I riposi sono stabiliti in funzione all’orario giornaliero del lavoratore e non a quello settimanale. Il permesso è dunque subordinato esclusivamente all’orario di lavoro giornaliero e le ore di riposo devono essere così ripartite:

• Se la giornata di lavoro è pari o superiore a 6 ore il riposo sarà di 2 ore (anche cumulabili);

• Se la giornata di lavoro è inferiore a 6 ore il riposo è di 1 ora.

Al personale ATA spettano di solito 2 ore al giorno perché l’orario giornaliero è pari o superiore alle 6 ore.

Considerato che nella giornata in cui il dipendente usufruisce della diminuzione di 1 ora lavorativa, in funzione della riduzione a 35 ore settimanali (art. 55 del CCNL scuola), svolge solo 5 ore lavorative, per quella giornata ha diritto a una sola di riposo per allattamento.

Posted on by nella categoria Ata
Versione stampabile
ads ads